Il numero di decapitazioni in Arabia Saudita aumenta del 70%

Tra crescenti critiche all’Arabia Saudita per quanto riguarda i diritti umani, un nuovo rapporto di un’organizzazione non profit mostra che il numero di decapitazioni nel Regno durante il primo trimestre del 2018 è aumentato di oltre il 70% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso.
L’Organizzazione saudita europea per i diritti umani (ESOHR) nel suo ultimo rapporto ha dichiarato che le esecuzioni del governo saudita nel primo trimestre del 2018 sono aumentate del 72% rispetto al periodo corrispondente dell’anno scorso e che un certo numero di cittadini stranieri è in lista per subire la pena capitale in Arabia Saudita.
La relazione si colloca in un contesto di critiche diffuse al regno per la sua brutale violazione in materia di diritti umani, tra cui la censura della libertà di parola, l’incarcerazione indiscriminata di cittadini senza un giusto processo o la mancanza di libertà fondamentali per le donne e le ragazze.
L’ESOHR sebbene il governo di Riyadh non divulghi alcuna statistica ufficiale per le persone nel braccio della morte, ha confermato che 42 persone sono in procinto di essere giustiziate, tra cui 8 persone che erano minorenni al momento del reato.
Il rapporto ha anche deplorato l’iniziativa del regime saudita di giustiziare persone per presunti reati classificati di sotto la soglia dei reati gravi stabiliti dal diritto internazionale, rilevando che i condannati hanno semplicemente partecipato a manifestazioni pacifiche, esercitato la libertà di parola o praticato i loro riti religiosi.
L’Arabia Saudita dal 2008 ha respinto tutte le richieste di visite da parte d’indipendenti relatori speciali delle Nazioni Unite, preoccupati per la violazione dei diritti umani del Regno. Michel Forst, relatore speciale delle Nazioni Unite nel marzo 2017 sulla situazione dei diritti umani, ha espresso serie preoccupazioni sulla situazione dei difensori dei diritti umani in Arabia Saudita.
Il Segretario generale delle Nazioni Unite in un rapporto del settembre 2017, ha deplorato l’Arabia Saudita per aver praticato atti intimidatori come il divieto di viaggio, congelamenti dei beni delle persone e l’uso della tortura contro individui o gruppi che collaborano con le istituzioni o i programmi delle Nazioni Unite.
Le statistiche mostrano che 146 persone, compresi 56 stranieri, sono state decapitate in Arabia Saudita nel 2017; in un solo giorno, nel luglio 2017, ha giustiziato quattro persone accusate di aver partecipato a manifestazioni.

Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Notify via Email Only if someone replies to My Comment