Fred Kummerow a 100 anni è riuscito a far mettere al bando i grassi trans dagli alimenti (video)

Fred Kummerow ha cento anni, professore emerito di scienze biologiche comparate presso l’University of Illinois, lo scorso martedì era il più soddisfatto per la decisione presa dalla Food and Drug Administration (FDA) l’ente pubblico che vigila su cibo e medicinali, di eliminare i grassi trans artificiali dalla catena alimentare degli Stati Uniti.
Fred Kummerow da sessanta anni ha messo in guardia sui pericoli delle sostanze che ostruiscono le arterie, nel 2013 ha citato in giudizio la FDA “per non aver agito prima”. Intervistato dalla sua casa in Illinois, ha detto: «La scienza ha vinto, è molto importante per noi non avere queste sostanze nella nostra dieta».

Lunga battaglia di Fred Kummerow
Era il 1950 quando Fred Kummerow come giovane ricercatore universitario, dopo aver convinto un ospedale locale a fargli esaminare le arterie delle persone che erano morte di malattie cardiache, fece una determinante scoperta: il tessuto conteneva alti livelli di grassi trans artificiali, una sostanza che era stata scoperta decenni prima, diventata onnipresente in alimenti trasformati in tutto il paese. Più tardi, dopo aver condotto uno studio dimostrò che l’insorgere dell’arteriosclerosi era legato all’alimentazione con cibi contenenti grassi trans artificiali, tolta la sostanza dalla dieta, l’arteriosclerosi sparì dalle arterie dei malati.
Fred Kummerow nel 1957 ha pubblicato la sua ricerca ponendo l’allarme sui pericoli di grassi trans che ostruiscono le arterie; più di un decennio dopo, mentre prestava servizio in una sottocommissione dell’American Heart Association, ha evidenziato in dettaglio sulle enormi quantità di grassi trans presenti nella margarina e altri generi alimentari, contribuendo a convincere l’industria alimentare a ridurre il contenuto in alcuni prodotti.
I grassi trans artificiali nel corso degli anni nonostante le ricerche e gli avvertimenti di Fred Kummerow sono stati utilizzati negli alimenti trasformati. Molti scienziati e sostenitori della salute nel 1980 ritennero che gli oli parzialmente idrogenati fossero preferibili ai grassi saturi più naturali. L’industria alimentare come consigliato era riluttante a non utilizzare i grassi trans artificiali, perché rispetto ai loro omologhi naturali erano meno costosi, avevano una conservabilità prolungata, davano agli alimenti un gusto desiderabile e la consistenza. Fred Kummerow su questo aspetto ha aggiunto:
«L’industria è sempre stata molto interessata ai grassi trans, ogni volta che nel corso degli anni si formava un gruppo per studiare la questione, i risultati finivano sempre allo stesso modo, si doveva fare più ricerca prima di giungere a una conclusione definitiva».

Petizione contro la FDA
Fred Kummerow frustrato dalla mancanza di azione, nel 2009 presentò una petizione di cittadini contro l’US Food and Drug Administration (FDA), nella prima riga della petizione ha scritto: «Chiedo il bando di grassi parzialmente idrogenati dalla dieta americana».
Nella petizione, ha osservato che le malattie cardiache spesso sono il risultato di grassi trans depositati nelle vene e arterie, possono causare la morte improvvisa a causa del blocco. Ha dichiarato:
«I grassi trans calcificano sia le arterie e le vene, provoca la formazione di coaguli di sangue. I grassi trans porta alla riduzione della prostaciclina, è necessaria per prevenire la formazione di coaguli di sangue nelle arterie, un coagulo di sangue in una delle arterie coronarie può causare morte improvvisa».

La FDA citata in giudizio
La FDA entro 180 giorni era tenuta a rispondere alla petizione. Fred Kummerow quattro anni dopo il deposito della sua petizione, non avendo ricevuto risposta, nel 2013 ha dato mandato a uno studio legale della California di citare in giudizio la FDA e il Dipartimento di Salute e Servizi Umani, con la richiesta a un giudice di costringere l’agenzia a rispondere alla petizione e “mettere al bando gli oli parzialmente idrogenati salvo che una revisione amministrativa completa non avesse scoperto nuove prove per la loro sicurezza».
La FDA dopo tre mesi ha annunciato i suoi piani per eliminare efficacemente i grassi trans, ha detto che la sostanza non potrà essere assunta in modo sicuro per l’uso negli alimenti umani. I produttori avranno tre anni di tempo per riformulare i prodotti o per presentare all’agenzia una petizione per un’eccezione.

Fred Kummerow cento anni tra grassi fritti, metabolismo, colesterolo e dieta
Fred Kummerow non considera terminato il suo lavoro, sta spingendo sulla ricerca su come i grassi fritti possono influenzare il metabolismo, la speranza è di aggiungere altri studi su riviste accademiche per la sua lunga lista di pubblicazioni.
Per quanto riguarda la sua dieta, ha detto di non impegnarsi molto a preoccuparsi del colesterolo, non crede sia il colpevole principale nella malattia di cuore. Beve il latte intero e mangia uova ma evita i cibi fritti, margarina e qualsiasi prodotto associato con oli parzialmente idrogenati.
In conclusione ricordando la festa del suo compleanno ha detto:
«Lo scorso autunno alla festa del mio centesimo compleanno, qualcuno ha portato una torta confezionata, ho esaminato l’etichetta, visto la presenza di grassi trans, fingendo di gettarla via ho detto che c’erano molte altre cose da mangiare».

,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

Lascia un commento