Farmaco per la tosse ha superato il test di Fase II come trattamento del Parkinson

Il farmaco Ambroxolo utilizzato da tempo come medicinale per la tosse e le malattie respiratorie sembra mostrare risultati promettenti nel trattamento di un diverso tipo di malattia: il morbo di Parkinson. È stato studiato negli ultimi anni per il suo apparente potenziale di arrestare la progressione del Parkinson, già quest’anno il farmaco ha superato due importanti test che potrebbero avvicinarci ad uno sperato trattamento.
Il mese scorso, un team multi-istituzionale di ricercatori guidati dall’University College di Londra (UCL) sulla rivista Jama Neurology, ha riportato i risultati di un piccolo studio clinico di Fase II, suggerendo che l’ambroxolo era sicuro e ben tollerato nei pazienti umani con malattia di Parkinson, indicando possibili effetti neuroprotettivi che devono essere ulteriormente esaminati nelle prove successive. La scorsa settimana in conformità a questi risultati, è stato annunciato il finanziamento per continuare i prossimi passi nella valutazione dell’ambroxolo in un gruppo più ampio di persone con Parkinson, cercando anche di saperne di più su come i singoli genotipi dei pazienti possano contribuire alla malattia.
Simon Stott, vicedirettore della ricerca presso il Cure Parkinson’s Trust, uno degli enti che finanziano il programma di ricerca, ha detto:
«Tutti i farmaci attuali trattano solo i sintomi della condizione, non fanno nulla per ritardare la progressione del Parkinson».
I ricercatori nell’ultimo studio clinico aperto (è uno studio clinico in cui sia il medico sperimentatore sia i soggetti inclusi sono a conoscenza del trattamento assegnato), hanno monitorato diciassette pazienti con la malattia durante l’assunzione di una dose giornaliera di ambroxolo per un periodo di sei mesi. Oltre a verificare che la terapia fosse sicura al dosaggio somministrato, volevano anche vedere la capacità dell’ambroxolo a superare la barriera emato-encefalica e come la terapia potesse svolgersi in modo diverso tra i pazienti con o senza particolari mutazioni in un gene chiamato GBA1 (il gene della glucocerebrosidasi).
Tali mutazioni del GBA1 sono considerate il più importante fattore di rischio genetico per il Parkinson, con la variante genetica che predispone le persone ad un rischio maggiore di sviluppare la malattia in giovane età e con una più rapida insorgenza dei sintomi. Gli scienziati pensano che ciò accada perché la mutazione inibisce il rilascio naturale delle proteine glucocerebrosidasi (chiamate GCase), che eseguono un processo di pulizia nel cervello, impedendo l’accumulo dannoso di un altro tipo di proteina chiamata alfa-sinucleina, vista come una colpevole chiave della disfunzione cognitiva che vediamo nel caso del Parkinson.
Tony Schapira ricercatore e neurologo dell’University College di Londra (UCL), ha detto:
«Aumentando i livelli di GCase, l’ambroxolo consente alle cellule di rimuovere i rifiuti, idealmente mantengono più a lungo le cellule sane e potrebbero rallentare la progressione del Parkinson».
Precedenti esperimenti con cellule umane e modelli animali suggeriscono che l’ambroxolo può aiutare ad aumentare le proteine GCasi riducendo i livelli di alfa-sinucleina, a causa di questo, il farmaco componente lo sciroppo per la tosse, offre molte speranze come potenziale trattamento per il morbo di Parkinson.
I ricercatori hanno detto che i risultati di questo nuovo studio dovranno essere replicati in test più ampi, ma i segnali, finora sono promettenti.
L’esperimento nello studio ha mostrato che il farmaco è penetrato con successo nella barriera emato-encefalica e ha aumentato di circa il 35%, i livelli di proteine GCase nel liquido cerebrospinale dei partecipanti, mostrando di essere sicuro e ben tollerato dai pazienti che assumono la terapia, senza effetti avversi segnalati.
I ricercatori non hanno trovato una differenza tra le risposte dei pazienti che hanno la mutazione GBA1 e quelli che non hanno questa mutazione, è un altro aspetto dei loro risultati che richiederanno successive indagini. Inoltre, le valutazioni della capacità dei pazienti di movimento fisico sulla scala di classificazione unificata del morbo di Parkinson (MDS-UPDRS), in media hanno visto i punteggi dei movimenti dei partecipanti migliorare leggermente di un numero di punti, suggerendo che il farmaco potrebbe avere effetti positivi sul controllo motorio nei pazienti con malattia di Parkinson.
Il team di ricercatori ha sottolineato che testare i punteggi MDS-UPDRS è stato solo uno dei tanti risultati secondari in questo piccolo studio, che non ha comportato l’assegnazione di placebo ad un gruppo di controllo. Il team a causa di tali limiti, afferma che sono necessari altri test prima di trarre conclusioni più solide sugli effetti del farmaco sul movimento e su altri sintomi del Parkinson.
La buona notizia è che il prossimo stadio di valutazione dell’ambroxolo, uno studio clinico di Fase III in doppio cieco, controllato con placebo, chiamato PD-Frontline, sta ora accettando le registrazioni per i pazienti che vivono nel Regno Unito; questo studio più lungo dovrebbe dirci ancora di più sulla vitalità del farmaco come potenziale trattamento.
Simon Stott in conclusione ha detto:
«I risultati dello studio indicano che l’ambroxolo è sicuro, ben tollerato e in grado di aumentare i livelli di GCase nel liquido spinale delle persone con Parkinson. È un passo importante per consentirci ora di scoprire se questo farmaco può rallentare i progressi del Parkinson. C’è stata una riduzione del 6,8 (indica un miglioramento) nella misurazione della scala di valutazione, questi effetti sono stati osservati in quei partecipanti con e senza mutazioni del GBA1».

Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →