Nuova molecola offre speranza per fermare il Parkinson

La promettente molecola ha offerto la speranza di un nuovo trattamento che potrebbe fermare o rallentare il morbo di Parkinson, qualcosa che nessun trattamento in questo momento può fare. I ricercatori dell’Università di Helsinki hanno scoperto che la molecola BT13 ha il potenziale per aumentare i livelli di dopamina (la sostanza chimica compromessa con il Parkinson), e proteggere le cellule cerebrali che producono dopamina (la morte delle cellule cerebrali è legata alla malattia).
I risultati dello studio, finanziato dal Parkinson’s UK (organizzazione benefica di ricerca e supporto per le persone colpite dal Parkinson nel Regno Unito), pubblicato sulla rivista Movement Disorders, hanno mostrato un aumento dei livelli di dopamina nel cervello dei topi dopo l’iniezione della molecola BT13, che ha anche attivato un recettore specifico nel cervello del topo per proteggere le cellule.
Le persone quando sono diagnosticate con il Parkinson, generalmente hanno già perso il 70-80 per cento delle cellule produttrici di dopamina, importante neurotrasmettitore, coinvolto nel coordinamento del movimento. Gli attuali trattamenti mascherano i sintomi del Parkinson, non c’è nulla che possa rallentarne la progressione o prevenire la perdita di più cellule cerebrali e, poiché i livelli di dopamina continuano a diminuire, i sintomi peggiorano e possono comparire nuovi sintomi.
I ricercatori stanno ora lavorando per migliorare le proprietà della molecola BT13 per renderla più efficace come potenziale trattamento che, in caso di successo, potrebbe favorire nel Regno Unito le 145.000 persone che vivono con il Parkinson.
Lo studio si basa su ricerche precedenti su un’altra molecola che prende di mira gli stessi recettori nel cervello, il fattore neurotrofico derivato dalla linea delle cellule gliale (Gdnf), un trattamento sperimentale per il Parkinson che è stato oggetto di un documentario della BBC nel febbraio 2019. Il trattamento Gdnf nel Parkinson ha mostrato la capacità di ripristinare le cellule danneggiate.
L’utilizzo di cellule gliale (Gdnf) a livello di molecola richiede un intervento chirurgico complesso per fornire il trattamento al cervello perché è una molecola grande che non può attraversare la barriera emato-encefalica, una barriera protettiva che impedisce ad alcuni farmaci di penetrare nel cervello.
La molecola BT13, è più piccola, è in grado di attraversare la barriera emato-encefalica, quindi dopo altre sperimentazioni cliniche potrebbe essere facilmente somministrata come vantaggioso trattamento per il Parkinson.
Il professor David Dexter, vicedirettore della ricerca sul Parkinson nel Regno Unito, ha detto:
«Le persone affette da Parkinson hanno disperatamente bisogno di un nuovo trattamento che possa fermare la malattia, invece di nascondere i sintomi; una delle più grandi sfide per la ricerca sul Parkinson è come superare la barriera emato-encefalica, quindi l’importante scoperta della molecola BT13 ha aperto una nuova strada per la ricerca. La molecola BT13 è una grande speranza per rallentare o fermare il Parkinson».

Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →