Escort protette dalle scorte di Berlusconi [video]

Antonio Di Pietro, presidente dell'Italia dei Valori, presenta un'interrogazione parlamentare ai Ministri della Difesa e dell'Interno sull'uso non istituzionale delle scorte da parte del Presidente del Consiglio Berlusconi
 


La denuncia delle scorte:
“Ci è capitato che il Presidente del Consiglio è venuto incontro a noi per dirci 'Beati voi che andate a casa a dormire invece a me tocca andare a trombare’. Un’altra volta ci ha portato qualche ragazza e ce l'ha presentata. Una notte ci ha mandato una ragazza e ci ha fatto fare la danza del ventre. A fine serata riportiamo le personalità a casa. Vediamo alcune ragazze uscire e tornare verso Milano mentre altre restano nella villa per la notte. Capita che dobbiamo scortare personalità che fanno il giro per riaccompagnare le ragazze nei residence milanesi a Torre Velasca o in Corso Italia, l'ultima magari se la portano a casa e noi dobbiamo accompagnarle fino a sotto il portone.” Insomma, quello che noi chiediamo non è cosa fanno le scorte, ma cosa ci fanno il Presidente del Consiglio e gli amici suoi con le scorte, vogliamo sapere se è vero che alcune ragazze le porta direttamente Fede con la sua auto e altre scendono da quella di Lele Mora, e anche se Emilio Fede ha il suo servizio di scorta.
Certo fra poco – grazie a Dio – ce ne liberiamo, ma non è che ogni volta dobbiamo aspettare di liberarci del Presidente del Consiglio per stabilire che le scorte sono fatte da persone che rischiano la vita, e non si devono vergognare. Non lo dico io: “La Polizia: ormai piantoniamo hotel e centri massaggi” “Lo sfogo della scorta: ormai dobbiamo fare la guardia alle escort del Premier”.

, , , ,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

Lascia un commento