Berlusconi, non mi contestate: Ghe pensi mi [video]

Diffondi questo filmato segnalandolo ad un amico, mettendolo sul tuo blog o utilizzandolo, tutto o in parte, per costruire i tuoi video

Berlusconi: "Per la democrazia e per la libertà ghe pensi mi" (il 28 giugno 2008 viene approvato il Lodo Alfano che sospende i processi a suo carico).
13 gigno 2009 – Bavaglio alle intercettazioni: divieto di disporre ed utilizzare da parte dei giudici intercettazioni telefoniche ed ambientali se non per terrorismo e mafia. Per i giornalisti che le pubblicano, cinque anni di galera.
Risultato:
Invece di arrestare le persone che vengono intercettate e hanno commesso dei reati, si decide di arrestare coloro che le hanno scoperte e coloro che lo hanno fatto sapere.

Berlusconi: Ghe pensi mi

, , , ,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

6 thoughts on “Berlusconi, non mi contestate: Ghe pensi mi [video]

  1. Quando l’utopia,prenderà il sopravvento,il mondo sarà salvo.       
     se la gente si ponesse ,    una domanda , possiamo fare a meno dei politici visto che l’unica cosa che in 62 anni di repubblica ,  ha funzionato, è il malaffare.
    Come mai abbiamo permesso che ciò avvenisse, per indolenza?o per stupidità!        
    Quale è la funzione, dei partiti nel terzo millennio, visti i risultati catastrofici da loro prodotti?
    Abbiamo ,avuto veramente bisogno  di questi individui?
    Direi  di no, l’unica cosa che gli va riconosciuta, è la loro scaltrezza,non per la loro intelligenza,ma per la nostra stupidità, nell’avere creduto a  ideali, creati ad’arte,per offuscare le menti.   VITTORIO

  2. Ecco dove voleva arrivare il grande puffo!
    Imbavagliare la stampa e spuntare le unghie ai giudici, perchè il pericolo maggiore è quello. Non frega nulla del paese, lavoro, economia, crisi, terremoto ed altro. Lui pensa solo a stare lontano dalla giustizia e giornalisiti che vogliono sapere troppo suoi trascorsi mafiosi.
    Chi non vede queste cose, o è cieco o fà finta di non vedere abbandonando ogni spirito critico pur di glorificare un pover' uomo.

  3. "U pisci feti da testa", dice il proverbio siciliano che tradotto vuol dire: "Il pesce puzza dalla testa". L'anomalia, assolutamente italiana, rispetto a tutta Europa è nel sistema bicamerale voluto da una nazione sconfitta nella 2 guerra mondiale in reazione al Fascismo, – che ricordiamolo non fu una vera dittatura come regime totalitario ma autoritario; fu totalitario per es. il Franchismo che durò in Spagna fino agli anni 70 e di cui nessuno più parla – da noi la guerra fredda non è mai finita, nel mezzo Chiesa, Massoneria, mafia, terrorismo ecc.
    Quale salvezza per l'Italia? Riforme costituzionali radicali: una sola camera con massimo 150 deputati. E' lì il centro della corruzione se pensiamo che sono quasi mille tra onorevoli e senatori con tutta la rete di clientele e quanto ci costano 5 miliardi di euro l'anno!  

  4. La mia opinione e' questa, basterebbe fare delle leggi che, siano a tutela degli interessi di tutti, ricchi e poveri, leggi serie e fatte rispettare, certo i partiti ci vogliono, bisogna andare certamente a votare, solo per controllare chi governa se e' rispettoso della regole.
    Chi sgarra, chi cerca di approfittare del comando, in automatico dovrebbe essere dimesso per sempre, senza appello alcuno, mai piu' al governo far sì che prima di infrangere le regole sia costretto a pensarci.
    Così facendo si eliminerebbero tutte le collusioni politiche per la conservazione del potere, potere che, richiede nostre risorse che alla fine pagano solo i poveri cristi visto che chi fa parte del giro non ha che di lucrarci a piu' non posso.

     

  5. ma basta, la rovina italiana è iniziata, nel momento stesso fu presa in mano dai democristiani ladri.
    il parlamento con senato e camera è una anomalia italiana voluta dai comunisti.
    troppi parlamentari, bastano 50 parlamentari perchè quando sono troppi si litiga di+

Lascia un commento