Epidemia di oppiacei aumenta il numero di organi disponibili per il trapianto

La ricerca pubblicata online da Elsevier su The Annals of Thoracic Surgery, ha evidenziato che la confluenza di due importanti crisi sanitarie – l’epidemia di oppiacei e la carenza di organi – nel tentativo di espandere il pool di donatori e salvare più vite, ha spinto i chirurghi a considerare per i trapianti gli organi ritenuti meno “perfetti”.
Nader Moazami cardiochirurgo del NYU Langone Medical Center di New York (tratta persone che hanno insufficienza cardiaca allo stadio terminale, esegue trapianti di cuore), ha detto:
«L’epidemia di oppioidi ha aumentato la percentuale di cuori trapiantati da donatori di morte per overdose (ODD). Uno dei ruoli della comunità dei trapianti è di mitigare almeno in parte la tragedia di questo problema esponenzialmente crescente massimizzando l’utilizzo degli organi da ODD».
Nader Moazami e colleghi utilizzando i dati del Registro scientifico dei trapiantati per gli anni 2000-2017, hanno valutato le tendenze della donazione e del trapianto di organi tra i decessi per overdose: durante questo periodo dei 15.904 trapianti di cuore isolati da donatori adulti, è emerso che il 10,8% di morte per overdose da oppiacei la quarta causa di morte, era dietro a quelle causate da ferite (30,5%), emorragia / ictus (22,1%) e ferita da arma da fuoco (18,3%).
Le overdose nel 2017 in 11 Stati hanno rappresentato oltre il 20% delle morti; mentre nel 2000, il tasso era più alto del 5,6%, 33 Stati aveva meno dell’1% dei decessi dei donatori attribuiti a overdose. I ricercatori hanno anche identificato un rilevante aumento della percentuale di trapianti che utilizzavano cuori ODD: 1,1% nel 2000; 6% nel 2012; e il 14,2% nel 2017.
Nader Moazami ha detto:
«Il drammatico aumento del tasso di utilizzo di ODD è stato sorprendente, è aumentato in modo concorde con il tasso di decessi per overdose. L’impatto significativo dell’epidemia di oppioidi sul trapianto è uno dei motivi principali per cui i numeri di trapianti di organi sono aumentati negli ultimi anni».
I ricercatori inoltre hanno scoperto che spesso l’età di donatori morti per overdose da oppioidi era inferiore ai 40 anni, avevano tassi più elevato di abuso di sostanze. Tuttavia, hanno anche avuto tassi più bassi di diabete e ipertensione, di conseguenza i cuori di ODD avevano qualità favorevole per i donatori di cuore, fornivano risultati eccellenti equivalenti ai donatori non overdose.
Nader Moazami ha aggiunto:
«Non crediamo che lo stato di overdose da solo sia un valido motivo per scartare un cuore di un donatore, questo studio sostiene che gli organi ODD non dovrebbero essere rifiutati a causa di pregiudizi inappropriati, senza differenze rilevanti nella sopravvivenza tra i pazienti con ODD e non ODD, un’altra espansione di questo pool di donatori potrebbe essere appropriata, con più cuori potenzialmente usati per il trapianto».
L’epidemia di oppioidi per altri organi ha anche aumentato il numero disponibile per la donazione negli Stati Uniti. Il dottor Nader Moazami e colleghi in un altro studio pubblicato su The Annals, ha evidenziato che l’ODD oppiaceo ha fornito il 7% di polmoni trapiantati dal 2010-2017, rispetto al 2% nel periodo 2000-2007. I risultati generali sono concordi con quelli di questo recente studio, suggerendo che i polmoni ODD non comportano alcun rischio aggiuntivo per la sicurezza dei trapiantati.

Impatto del virus dell’epatite C sul trapianto di organi
Il recente aumento dell’uso di oppioidi non ha portato solo a decessi per overdose correlati agli oppioidi, ma anche a un’impennata dei casi di virus dell’epatite C (HCV) dovuti all’uso di droghe iniettabili. Lo studio, in effetti, ha dimostrato che il HCV è spesso la ragione per cui gli organi sono scartati e non utilizzati. Nader Moazami ha spiegato:
«Nell’era attuale, i progressi della medicina e test raffinati hanno contribuito a ridurre al minimo i rischi associati al trapianto di un organo che è positivo per l’epatite C. Inoltre, l’epatite C è ora una malattia curabile, quindi se i riceventi di organi sono infettati, può essere somministrato un farmaco antivirale, rendendo particolarmente importante lo sforzo per ridurre al minimo l’eliminazione degli organi HCV-positivi e migliorarne l’utilizzo efficiente».
Robert Samuel Decosta Higgins chirurgo americano dello Johns Hopkins Hospital di Baltimora, noto per la sua esperienza nel cuore-polmone, presidente della STS ed ex presidente dell’United Network for Organ Sharing (UNOS), ha detto:
«Nonostante la crisi pubblica che l’epidemia di overdose da oppiaceo ha creato di recente, l’impatto sul trapianto di organi e le conseguenze non intenzionali di aumentare il numero di cuori donatori è degno di nota.
Molti di questi donatori sono stati associati a malattie che sono state storicamente considerate “ad alto rischio” dai servizi di sanità pubblica; questo importante studio mette in luce la necessità di nuove ricerche in questo settore per definire ulteriormente il “rischio” e la ricompensa dell’espansione del pool di donatori per salvare più vite».
United Network for Organ Sharing (UNOS) riporta che nel 2018 sono stati eseguiti più di 36.500 trapianti, circa 3.400 di questi erano trapianti di cuore, anche se il 2018 è stato un anno da record, la necessità di donatori di organi rimane enorme: in media nel 2017 ogni giorno 18 pazienti sono morti in attesa di un trapianto.

Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →