Le navi da crociera Carnival inquinano più di tutte le auto europee

Carnival Cruise Line (spesso anche nota semplicemente come Carnival o anche Carnival Crociere) è il marchio principale del gruppo crocieristico statunitense Carnival Corporation & Plc., insieme alla sua consociata Princess non riescono a smettere di inquinare il pianeta: come riporta il Financial Times, il problema dell’inquinamento di Carnival è così grave al punto che le grandi navi della sua flotta, inquinano 10 volte di più di tutti i 260 milioni di auto europee.
Lo studio di Transport & Environment (promuove, a livello europeo e globale, una politica dei trasporti basata sui principi dello sviluppo sostenibile, per minimizzare gli impatti nocivi sull’ambiente e sulla salute), ha esaminato 203 navi da crociera che hanno navigato nelle acque europee nel 2017.
L’organizzazione ha scoperto che Carnival – e i suoi marchi – erano “orgogliosi proprietari” di sette delle 20 linee di navi da crociera più inquinanti.
Il rapporto ha anche scoperto che, oltre al turismo spinto e allo schianto nei porti, c’è un buon motivo per cui le città europee non amano le navi da crociera: emettono anidride solforosa in tutto il territorio, causa di piogge acide e cancro ai polmoni. Le compagnie di crociera, si scopre, hanno inquinato in tutta Europa, in termini assoluti, Spagna, Italia e Grecia, seguite da vicino da Francia e Norvegia, sono i paesi europei più esposti all’inquinamento atmosferico da navi da crociera, mentre Barcellona, Palma di Maiorca e Venezia sono le città portuali europee più colpite, seguite da Civitavecchia, e Southampton.
E’ emerso che questi paesi sono così esposti perché oltre ad essere le principali destinazioni turistiche, hanno standard meno rigidi per i combustibili solforati marini, consentono alle navi da crociera di bruciare il combustibile più solforoso più sporco lungo tutte le loro coste.
Faig Abbasov, responsabile della politica di spedizione di T & E, ha dichiarato:
«Le navi da crociera di lusso sono città galleggianti alimentate da alcuni dei carburanti più inquinanti. Le città stanno giustamente vietando le auto diesel, ma stanno dando un passaggio gratuito alle compagnie di crociera che emettono fumi tossici, l’anidride solforosa provoca danni incalcolabili sia a bordo, sia sulle rive vicine, questo è inaccettabile».
Il rapporto arriva pochi giorni dopo che Carnival Cruise Line ha accettato di pagare una nuova multa di 20 milioni di dollari e di intraprendere un maggiore monitoraggio della sua pratica di scaricare le acque reflue e i rifiuti plastici direttamente nell’oceano (così come le fuoriuscite di gas e scarichi oleosi).
La compagnia a quanto pare ha cercato di coprire i suoi misfatti ambientali falsificando i registri, risolvendo i problemi prima delle ispezioni e persino cercando di convincere la Guardia Costiera statunitense a ridefinire i termini del suo piano di conformità ambientale.
Carnival Cruise Line non è la prima volta che ha ammesso la colpevolezza. Ha una lunga lista di violazioni ambientali che risale al 1993, è stata portata in tribunale nel 2016, si è dichiarata colpevole di aver scaricato rifiuti oleosi dalle sue navi Princess Line. E’ stata multata di 40 milioni di dollari, le è stato concesso un periodo di osservazione di cinque anni. Lunedì scorso, ha ammesso di aver violato la libertà vigilata, ciò ha determinato da parte di Patricia Seitz giudice distrettuale statunitense, di imporre una multa di 20 milioni di dollari, oltre a nuove penalizzazioni. Carnival Cruise Line sollecitato a fare un commento, ha detto:
«Tutti i componenti dell’associazione delle compagnie di crociera Cruise International Association (CLIA) sono impegnati in un futuro a emissioni zero, così come l’intero settore marittimo. L’industria crocieristica rappresenta meno dell’1% del trasporto marittimo, sta facendo progressi verso quest’obiettivo, ma ci vorrà del tempo.
Il settore accoglie con favore il coinvolgimento della società civile in questa discussione, ma è deluso che Transport & Environment abbia pubblicato l’analisi condotta esclusivamente da personale interno, senza discussioni, input o approfondimenti aggiornati dall’industria crocieristica o dalle destinazioni crocieristiche. Vi è inoltre la preoccupazione che i risultati siano stati pubblicati senza alcun esame accademico, revisione tra pari o metodologia scientificamente valida».

Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →