Ricordate Richard Lee Norris? Dopo il trapianto completo del volto torna alla vita normale

L’Università del Maryland, ha pubblicato i dati sul recupero di Richard Lee Norris, trentasette anni, sottoposto sette mesi fa ad un trapianto completo del volto.
Norris, di Hillsville, Virginia, nel 1977 in un incidente per un colpo di pistola,  aveva perso gran parte della mascella superiore e inferiore, così come le labbra e il naso. Il centro della chirurgia dei trapianti dell’Università del Maryland Medical Center, il 20 marzo 2012 aveva completato l’intervento di ricostruzione facciale con la sostituzione di entrambe le mascelle, i denti, la lingua, la pelle sottostante, nervi e tessuto muscolare dal cuoio capelluto al collo.
Richard Lee Norris, ha detto:
“Negli ultimi 15 anni ho vissuto come un recluso, nascosto dietro a una mascherina chirurgica, facevo gran parte dei miei acquisti di notte, quando c’era meno gente. Ora posso uscire senza essere osservato con insistenza e sentire commenti sgradevoli sul mio conto.
Chi era abituato a guardarmi con la mia deformazione, ora mi guarda con stupore per la mia trasformazione (vedi foto). Finalmente posso camminare tranquillamente, nessuno, come in passato, mi guarda più di una volta. Ora posso iniziare a rivivere con la mia nuova vita che mi è stata restituita.
Sto facendo bene. Passo molto tempo con la mia famiglia e gli amici, vado a pesca e gioco a golf. Continuo a sottopormi a visite di controllo con medici e terapisti per portare avanti una guarigione corretta. Sono stato in terapia fisica e anche in terapia del linguaggio. Ho fatto molto bene, sto recuperando la parola, ogni giorno migliora”.
Norris continua a migliorare la sensibilità del volto, è in grado di sorridere e mostrare le espressioni facciali. I medici hanno detto che la funzionalità del movimento sul lato destro della faccia è circa l’80% normale, mentre quella sul lato sinistro è di circa il 40%. Mangia principalmente per via orale, è in grado di distinguere gli odori e il sapore.

Il trapianto completo del volto di Norris
L’intervento di trapianto completo del volto di Norris, è durato trentasei ore e 150 medici e infermieri. E’ stato condotto da Eduardo D. Rodriguez, professore di chirurgia presso l’Università del Maryland School of Medicine e capo di chirurgia ricostruttiva maxillo-facciale presso il Centro R Trauma Adams Cowley Shock a dell’Università del Maryland Medical Center.
L’intervento del trapianto completo del volto per la prima volta al mondo è stato eseguito da un team di chirurghi plastici e ricostruttivi con formazione specialistica ed esperienza in chirurgia cranio-facciale e microchirurgia ricostruttiva.
Eduardo D. Rodriguez, ha detto:
“Il nostro obiettivo fin dall’inizio è stato quello di ripristinare l’armonia del viso e l’equilibrio funzionale, nel modo più estetico possibile attraverso il trapianto complesso delle ossa facciali, i nervi, i muscoli, la lingua, i denti e relativi tessuti molli. Richard Lee Norris, sin dal primo momento dell’intervento chirurgico, ha superato le mie aspettative, si merita molto credito per le innumerevoli ore trascorse per recuperare la parola e muovere i suoi nuovi muscoli facciali. Lui è una delle persone più coraggiose e impegnate che conosco”.
Norris, pochi giorni dopo l’intervento chirurgico, ha iniziato a lavorare con i terapisti fisici, occupazionali e della parola, per l’avvio del processo dettagliato per riottenere l’utilizzo funzionale del suo nuovo viso, della lingua e della mascella. Una parte significativa della chirurgia è stato dedicata alla conservazione per ricollegare i nervi dalla faccia del donatore a quelli di Norris. Il team di riabilitazione continua a lavorare con Richard per addestrare questi nervi a dialogare tra di loro per ripristinare il normale movimento e quello della parola.
Il potenziale rigetto del tessuto donato, come per qualsiasi intervento chirurgico di trapianto, è un aspetto che deve essere attentamente monitorato.
La terapia immunosoppressiva complessa di Norris è gestita dal dott. Rolf Barth, professore associato di chirurgia presso l’Università del Maryland School of Medicine e direttore del trapianto di fegato e chirurgia epatobiliare presso l’Università del Maryland Medical Center.
La ricerca del dott. Barth si concentra sui modi per ridurre il rigetto degli organi donati, e mantenere al minimo gli effetti collaterali che possono insorgere a lungo termine per l’uso di immunosoppressori.
Stephen T. Bartlett, medico, ha detto:
“Abbiamo iniziato questa ricerca più di 10 anni fa, quando abbiamo visto i danni devastanti da ordigni esplosivi improvvisati, subiti dai soldati in Iraq e in Afghanistan“.
Peter Angelos, professore emerito e presidente del Dipartimento di Chirurgia presso l’ Università del Maryland School of Medicine, e chirurgo in capo e vice presidente senior presso l’Università del Maryland Medical, ha detto:
“Ora, dopo aver visto come questo intervento ha cambiato la vita di Richard, siamo ancora più dedicati alla ricerca per migliorare il trapianto del volto e aiutare più pazienti, tra cui i veterani militari, per farli tornare alla vita normale“.
Norris ha aggiunto:
“Grazie a tutte le persone e le organizzazioni che hanno reso possibile il mio recuperto, in particolare il Dipartimento della Difesa Ufficio di Ricerca Navale, La R Adams Cowley Shock Trauma Centro presso l’Università del Maryland Medical Center, il dottor Eduardo Rodriguez, la sua squadra e del personale; Angel Flight Mid Atlantic, la Fondazione Living Legacy of Maryland, e la famiglia del donatore i cui organi anche salvato la vita di altre cinque persone“.

,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

Lascia un commento