Che fine hanno fatto? Ora online puoi sapere chi è passato a miglior vita

Non sapete se qualche vostro conoscente è passato a miglior vita? Adesso è possibile con un semplice click, attraverso il quale apparirano, divisi per regione (e poi per province), tutti coloro che, purtroppo, non ci sono più. Il sito è Defuntioggi. E’ una pagina web aggiornata giorno per giorno, nella quale è possibile inserire necrologi, partecipazioni, anniversari e ricorrenze. Oltre a questo c’è anche un’area per le imprese, ovviamente del settore.
C’è uno anche negli Usa
E sul modello del sito tutto italiano di necrologi ne è nato (chissà quanto inconsciamente) anche uno negli Usa. Che però oltre alla semplice consultazione dà la possibilità di organnizzare il proprio funerale. E’ eons un sito che permette di sfogliare un database onile di necrologi che informa del decesso di conoscenti. Ad avere l’idea di un sito fatto con questi criteri è stato Jeff Taylor, lo stesso fondatore di Monster.com, portale dedicato alla ricerca di lavoro. Il sito è del tutto simile a quelli che spopolano fra i teenagers, come MySpace o Facebook, con la differenza di essere completamente dedicato al pubblico over 50. E quindi, invece di sezioni dedicate alla carriera o alla scuola, Eons.com ha giochi interattivi che potenziano le facoltà cerebrali, notizie o passatempi o meglio ancora hobby per le persone un po’ avanti con gli anni. Non mancano i consigli per vivere più a lungo e anzi esiste un calcolatore della longevità.
Il sito contiene anche un database nazionale di necrologi che arriva sino agli anni Trenta e tutti hanno la possibilità di aggiungere commenti e fotografie.
"Il business della morte sta crescendo", ha detto Taylor, mostrando dati che indicano come i decessi negli Usa siano saliti nel 2005 a 2,4 milioni rispetto ai 2,2 del 2000, ed in prospettiva raggiungeranno i 4,1 milioni nel 2040.
"Inoltre – ha sottolineato Taylor – aggiungendo foto, e video ai necrologi, i membri di Eons.com possono sottoscrivere un servizio che li avvisa quando muore qualcuno in una determinata zona o collegato a una parola chiave come una società o un nome di scuola. Il servizio è simile a quelli e-mail che offrono diversi siti web che avvisano la gente su quando un amico o un collega si inserisce in un certo sito. Molta gente – continua – non vive più dove era cresciuta così l’idea che un giornale locale possa offrire una biografia completa spesso non si realizza".
A suo giudizio i figli del baby boom, 77 milioni di americani nati tra 1946 e 1964, vogliono spesso avere un’influenza maggiore sul proprio funerale. Così si sta pensando di realizzare, sempre con Eons.com un servizio in cui la gente può scegliere le canzoni da suonare al proprio funerale e il posto in cui parenti e amici si riuniranno per bere e mangiare alla sua memoria dopo la cerimonia. Ma Taylor, che ha lasciato lo scorso anno Monster.com, sostiene che Eons.com si concentrerà non sulla morte, ma su come celebrare il superamento dei 50 anni e garantire la miglior qualità della vita possibile.
Fonte: TgCom

,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

2 thoughts on “Che fine hanno fatto? Ora online puoi sapere chi è passato a miglior vita

Lascia un commento