Berlusconi e la social card (vignetta)

Antonio, cosa pensi del “benefattore nostalgico” che indossa i panni dell’uomo caduto in disgrazia, solo per  umiliare, costringere i poveri a subire l’onta della tessera di povertà

Berlusconi, Social card


 “Quello della social card, mi pare un’umiliazione che doveva evitare e trovare una soluzione alternativa.
Mi ricorda tanto la tessera del pane del Ventennio che umilia il cittadino quando va al supermercato e sta in fila e deve pian piano, di nascosto, tirare fuori la sua tesserina. Credo, quindi che sia un tozzo di pane, un’umiliazione che si poteva evitare perche’ la social card e’ il classico comportamento del padrone che dà qualcosa al cane“.
Antonio, grazie.
Vignetta, elaborata su idea originale di Roberto Mangosi.

, , , ,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

4 thoughts on “Berlusconi e la social card (vignetta)

  1. umiliante è proprio il termine più giusto per definire questa orgogliosissima trovata del cav…

    ipocrita!

  2. è veramente umiliante come quando c’era il patronato a scuola e portavano il pacco ai poveracci, con le pantofole maròn con lo zip, e li chiamavano alla cattedra…poracci, e poi le indossavano e i poveri si riconoscevano così anche dalle pantofole maròn…

Lascia un commento