Suggerimenti per contrastare i troll che infestano i commenti

Un troll utilizza i commenti per provocarti? Ecco come gestire la situazione su siti e blog (anche su OKNotizie), per neutralizzare tutti quelli che disturbano

Troll sprayBloggare significa conversare con i lettori, più argomenti si postano (conversazioni), più commenti si generano. E’ normale trovare nel proprio sito/blog, anche commenti di disturbo, provocatori.
Come far fronte a tale situazione?
I commenti negativi possono essere classificati in 3 categorie:
1. Spam
2. Critiche costruttive (disaccordo su una questione)
3. Attacco personale (Troll).
Circa il 99% dello spam è filtrato da plugin come Askimet e da moderni sistemi di captcha.
Vediamo come affrontare le restanti due categorie di commenti negativi.
Regole per i commenti
Non esiste una regola uguale per tutti, ogni blogger gestisce i commenti come meglio crede, alcuni li eliminano immediatamente, altri cercano di contrastarli con umorismo.
I lettori quando approdano nel blog/sito, devono aver chiara, in un modo o nell’altro, la politica di gestione dei commenti.
Il blogger, quando decide di moderare i commenti, assume il controllo completo del proprio blog: in questo caso, nel dettare le regole per i commenti, non deve commettere l’errore di usare toni aspri, meglio esporre le regole in modo equilibrato per non attirare "clienti" indesiderati nel sito/blog.
Costruire un gruppo di supporto ai commenti
Il modo migliore per fronteggiare i commenti di disturbo è l’appoggio di una vivace comunità di supporto, un gruppo di lettori fedeli che amano commentare per rendere costruttive le discussioni. Se si dispone di un tale gruppo di sostegno, non si ha la necessità di affrontare direttamente il disturbatore. La vostra comunità si prenderà cura di lui e farà in modo che non si ripeta nuovamente.
Commenti con critiche costruttive
Un commento negativo legato all’argomento (post), che rientra nei limiti della decenza, è accolto con favore dai blogger, perché aggiunge valore alla discussione e dà la possibilità di costruire la propria autorevole reputazione all’interno del gruppo.
Il blogger che risponde ai commenti negativi, in primo luogo cerca di definire e capire i punti di disaccordo. Una volta che li ha ben chiari nella propria mente, si troverà in una posizione migliore per rispondere in modo efficace al commento. Qualche volta il dibattito si surriscalda, importante è mantenerlo entro i limiti. E’ bene ricordare che la discussione verte sull’argomento e non sulla persona.
Gestire un troll
Trattare con un troll, quando si decide di avviare una discussione, è un po’ complicato. La strategia vincente è di non foraggiarlo, dev’essere completamente ignorato.
I troll
, amano generare discussioni esca per scivolare negli insulti, spingere le discussioni fuori argomento, ecc. Il modo migliore per impedire il loro intento è quello di eliminare i loro argomenti dalla coda di moderazione.
Evitare la creazione di contenuto polemico
Se si scrive qualcosa di polemico, bisogna prepararsi mentalmente a ricevere una reazione negativa, meglio evitare, quando è possibile, la scrittura di tali contenuti, a volte, inconsapevolmente, si feriscono i sentimenti di alcuni lettori.
Se si ricevono reazioni con commenti pesanti, lasciarli nella coda di moderazione nell’attesa di far calmare i nervi. Prendete tempo, da posizione neutrale, per non ripetere lo stesso errore, analizzate il contenuto pubblicato, in questo modo, si possono osservare le minime sfumature, le frasi dirette che potrebbero aver generato nei commenti, reazioni pesanti da parte dei lettori.

,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

13 thoughts on “Suggerimenti per contrastare i troll che infestano i commenti

  1. dopo aver letto il libro di Kuros, i TROLL, mi fanno un baffo!!

    io non modero mai.

    Ho sempre adottato la tattica di ignorare chi molesta o provoca.

  2. Sono daccordo con Saamaya.

    Ignorare ma pure lasciare il commento provocatorio.

    Molto spesso ci scandalizziamo per reazioni forti, che non sono certo critiche costruttive, ma analizzandole bene, si mantengono nel diritto di critica.

    Conosco una blogger adorabile, Elenoir, che modera ma credo non cancelli proprio nulla…

    Ebben, risponde ai troll, li “foraggia” ma ha così tanta personalità che li tiene cmq a bada. Eccezzionale!

    Credo che molti dovrebbero imparare da lei

  3. grazie per i consigli…se mi imbatto in un troll, chiederò aiuto agli elfi, ai nanetti, alle fatine…..no cercherò semplicemente di ignorarlo . ciao neee

  4. Lino, inevitabili :-).
    Saamaya sono contento che sei vaccinata ai troll, io vorrei tanto provare a fare il troll ma non riesco, non ho la stoffa per farlo :-). Baciotto*
    Vocalizzorotante grazie per il commento, interessante il personaggio di Elenoir, brava a tenere a bada i troll, un esempio da imitare.

    Biancaneve, i troll di comunione e liberazione, sono i peggiori :-), baciotto*
    cicabu è vero, purtroppo alcuni troll, meritano censure più pesanti :-), baciotto*
    lateresa, ignorarli, il più delle volte risolve il problema. baciotto*
    Grizabella1, fatto bene, baciotto*
    Gardenia, baciotto*

  5. nel web conviene abbandonare una certa suscettibilità che espone al rischio di affogare nelle eventuali provocazione dei Troll: del resto, è il loro lavoro.

  6. @ Saamaya – I Troll, stupidi non possono svolgere questo lavoro, per questo bisogna "convincerli" a cambiare occupazione :-). Baciotto*

Lascia un commento