Europa e Cina accordo per costruire una base sulla Luna e lanciare altri progetti nello spazio

Cina ed Europa vogliono costruire un avamposto umano sulla Luna. I rappresentanti dell’agenzia spaziale cinese ed europea, hanno avviato un piano di collaborazione per costruire una base lunare e altri progetti nello Spazio.
Tian Yulong, segretario generale dell‘Agenzia Spaziale Cinese ha riferito ai media statali cinesi sui colloqui, confermati da Pal Hvistendahl, portavoce per l’Agenzia Spaziale Europea, ha detto:
«I cinesi hanno già in atto un programma molto ambizioso per la Luna, differente da quello degli anni sessanta dove americani e russi cercavano di superarsi per primeggiare nella corsa allo Spazio; ci rendiamo conto che per esplorare lo Spazio per scopi pacifici, è necessaria la cooperazione internazionale».
Johann-Dietrich Wörner, direttore generale dell’Esa (organizzazione internazionale, con 22 Stati Membri), ha descritto la sua proposta di “Moon Village” (villaggio lunare) come un potenziale trampolino di lancio internazionale per le future missioni su Marte e la possibilità di sviluppare oltre al turismo spaziale anche quello per la ricerca scientifica e l’estrazione mineraria lunare.
La Cina è arrivata relativamente tardi per i viaggi nello spazio, ma ha intensificato il suo programma sin dal suo primo volo spaziale con equipaggio umano nel 2003, più di 42 anni dopo Jurij Gagarin cosmonauta sovietico, il primo a compiere un’intera orbita ellittica attorno alla Terra.
La scorsa settimana, China National Space Administration ha lanciato un veicolo spaziale senza equipaggio in una missione di attracco con la sua stazione spaziale attualmente non occupata. Entro la fine del 2017 con la missione Chang’e 5 invierà una sonda ai confini dei mari orientali e a ovest del Mare Crisium  per raccogliere campioni lunari che rimanderà sulla Terra per mezzo di una capsula. raggiungerà il modulo orbitale per il rientro. Durante la traiettoria di rientro, il modulo orbitale rilascerà la capsula che rientrerà nell’atmosfera terrestre con uno scudo protettivo e un paracadute.
L’Esa spera di condurre un’analisi sui campioni riportati a Terra dalla missione cinese Chang’e 5. In futuro ha in programma un volo europeo sulla stazione spaziale cinese.
La Cina è stata esclusa dalla Stazione Spaziale Internazionale principalmente a causa della legislazione statunitense che impedisce tale cooperazione per i forti legami militari al programma spaziale cinese.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...