Wi-Fi gratuito con Free Zone su Google Maps

Shareairnet è una mappa di Google che mostra nelle vicinanze tutti gli hotspot wi-fi. Puoi condividere la tua posizione con la mappa o inserire qualsiasi indirizzo per vedere nelle vicinanze le bandierine che indicato tutte le postazioni Wi-Fi. Le localizzazioni sono realizzate con la scansione Android con l’app Free Zone (vedi).
Free Zone (come meglio specificato più avanti), è un programma molto utile per il cellulare, effettua la scansione e si collega a reti wi-fi. Free Zone non appena si trova nel raggio di una connessione di rete wi-fi si connette automaticamente.

Che cosa è Free Zone?
Free Zone app aiuta il tuo Android a trovare reti Wi-Fi aperte e condivise con l’accesso al portale. Utilizzando l’applicazione, sarete in grado di controllare la posta elettronica, Facebook, Twitter e altro, molto più veloce di 3G e totalmente gratuito!
L’applicazione rileva automaticamente le reti disponibili, in modo da rimanere connessi tutto il tempo. Anche dopo aver lasciato la zona libera principale, Free Zone continua a funzionare per trovare e mettere a disposizione la connessione Wi-Fi.
E’ possibile condividere nuove reti con tutta la Free Zone comunità in tutto il mondo. Ormai, ci sono già oltre trecentomila reti disponibili registrate da Free Zone, potenzialmente più di ventiseimilioni di reti da condividere! Chiedi ai tuoi amici di aiutarti a far crescere la comunità Free Zone.

Come funziona?
Free Zone è sempre alla ricerca di reti Wi-Fi nelle vicinanze, quando trova reti Wi-Fi tenta di connettersi automaticamente a quella con il miglior segnale. E’ possibile connettersi a reti aperte, reti già note, o, ciò che è ancora meglio, si può connettersi a reti che non conosciamo, ma sono state condivise con la comunità Free Zone come reti Wi-Fi condivise aperte, conosciute come zone franche. Poiché nella comunità il numero di persone e il numero di reti condivise continua a crescere, sarà più facile trovare zone franche, ovunque tu vada.

Aggiornamento dati
Free Zone app mantiene una base di dati con le informazioni di tutte le zone franche disponibili. Per aggiornare questi dati ed essere in grado di trovare le zone franche, l’applicazione ha bisogno di avere accesso al portale. Ciò deve essere fatto almeno una volta dopo l’installazione, in questo modo l’applicazione funziona correttamente. Se non si è connessi a una rete Wi-Fi, Free Zone può utilizzare il 3G per fare l’aggiornamento necessario.

La creazione di una Free Zone
La condivisione di nuove reti con gli utenti Free Zone è l’elemento chiave per lavorare meglio con Free Zone e raggiungere l’obiettivo di portare più luoghi con l’accesso gratuito a più persone.
Quando si conosce la password di una rete Wi-Fi e si condivide la password con la comunità, si crea un nuovo Free Zone, contribuendo ad aumentare le aree disponibili con accesso portale gratuito. E’ anche bene sapere che:
la password di una rete condivisa è conservata in modo sicuro al server e non è mai rivelata;
– solo gli utenti Free Zone saranno in grado di accedere alle comuni reti Wi-Fi attraverso i loro dispositivi;
– quando possibile, la geolocalizzazione della rete condivisa sarà memorizzata per cui l’applicazione può indicare dove si trovano le zone franche sulla mappa.

Sempre collegato
Quando si lascia un collegamento, l’app Free Zone continuare a cercare le reti. In questo modo, anche senza interazione diretta, l’applicazione si connette a reti Wi-Fi, permette alle altre applicazioni di scaricare i dati al dispositivo (come ad esempio il download di messaggi di posta elettronica).

,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →