Google Maps con Timeline sa davvero, dove siete stati

Google Maps è finito nel mirino per un controverso nuovo servizio, rivela quanto sa di ognuno, si chiama Timeline, è progettato per consentire agli utenti di vedere sulle sue mappe online i luoghi frequentati più spesso.
Google ha detto che la nuova funzionalità serve ad aiutare le persone a ricordare facilmente ristoranti e altri luoghi visitati. Tuttavia, alcuni utenti su Twitter hanno descritto la funzione “spaventosa”.
Gerard Sanz Product Manager di Google in un post sul blog ha detto:
«Hai mai desiderato un modo per ricordare facilmente tutti i luoghi in cui sei stato? Che si tratti di un museo che hai visitato durante la tua ultima vacanza o un bar in cui sei entrato alcuni mesi fa, da oggi Google Maps può aiutare.
Gradualmente stiamo lanciando Timeline, un modo utile per ricordare e visualizzare i luoghi che hai visitato in un determinato giorno, mese o anno. La tua Timeline (vedi) permette di visualizzare le procedure reali, facilmente puoi vedere i viaggi che hai fatto, ottenere un assaggio dei luoghi dove hai trascorso più tempo».
Timeline utilizza la posizione prelevata dal cellulare dell’utente. Il servizio può anche analizzare le foto per trovare quelle scattate dagli utenti in ogni luogo. Google spiega: «Se si utilizza Google Foto, per far riaffiorare i vostri ricordi mostriamo le foto che avete scattato in un giorno specifico».
Google sulla sicurezza del servizio sottolinea:
«Timeline è privata e visibile solo a te, puoi controllare e scegliere i luoghi da mantenere, questo significa che in qualsiasi momento è possibile eliminare facilmente un giorno o la vostra storia completa.
Gli utenti possono modificare anche il luogo in cui appaiono, rimuovere una posizione specifica o assegnare un nome privato a un luogo frequentato. Il servizio è disponibile su desktop e Android.
Ci auguriamo che la vostra Timeline sia uno strumento prezioso e utile per esplorare il mondo interno a voi».

Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →