Ricercatori svedesi con il contrasto di fase della tomografia computerizzata, sono riusciti a visualizzare il tessuto molle della mano di una mummia egiziana

Ricercatori svedesi nello studio pubblicato sulla rivista Radiology, hanno descritto una variazione dell’utilizzo della tomografia computerizzata (TC) per fotografare con successo fino a un livello microscopico i tessuti molli della mano di un’antica mummia egiziana.
La diagnostica per immagini non distruttiva di mummie umane e animali con raggi X e la tomografia computerizzata (TC), è stata un grande aiuto per i settori dell’archeologia e della paleopatologia, o per lo studio di antiche patologie. I relativi studi hanno contribuito a una migliore conoscenza della vita e della morte nell’antichità e hanno il potenziale per migliorare la nostra comprensione delle malattie moderne.
Sia i raggi X sia la tomografia computerizzata (TC) convenzionale sfruttano il fatto che i materiali assorbono diverse quantità di raggi X: questo fenomeno, noto come contrasto di assorbimento, crea diversi gradi di contrasto all’interno di un’immagine.
Jenny Romell del gruppo di ricercatori dellIstituto Reale di Tecnologia, Centro universitario AlbaNova di Stoccolma, ha detto:
“Il contrasto di assorbimento funziona bene per lo studio delle ossa e di altri materiali duri e densi, ma per i tessuti molli è troppo basso perché fornisca informazioni dettagliate. E’ questo il motivo per cui proponiamo la diagnostica per immagini basata sulla propagazione del contrasto di fase, migliora il contrasto delle immagini a raggi X rilevando sia l’assorbimento sia lo spostamento di fase che si verifica quando i raggi X passano attraverso un campione. L’effetto di fase con i raggi X è simile a come un raggio di luce cambia direzione mentre passa attraverso una lente. Catturando sia l’assorbimento sia lo sfasamento fornisce un contrasto maggiore per i tessuti molli.
Utilizzando solo la diagnostica per immagini ad assorbimento c’è il rischio che si perdano tracce di malattie conservate nei tessuti molli, mentre con la diagnostica per immagini a contrasto di fase, le strutture dei tessuti molli possono essere riprodotte a livello microscopico fino alla risoluzione cellulare, il che apre l’opportunità di un’analisi dettagliata dei tessuti molli».
Jenny Romell e colleghi hanno utilizzato la tomografia computerizzata (TC) a contrasto di fase per analizzare una mano destra umana mummificata proveniente dall’antico Egitto. La mano, oggi nella collezione del Museo delle antichità del Mediterraneo e del Vicino Oriente, è stata portata in Svezia alla fine del XIX secolo, insieme con altre parti mummificate del corpo e a un frammento di cartonnage (è un materiale fatto di papiri, tele e lino destinati al macero e riutilizzati a più strati, pressati, tenuti insieme da collanti e infine dipinti), apparteneva a un uomo egiziano ed è stato datato intorno al 400 a.C.
I ricercatori hanno scansionato l’intera mano e poi eseguito una scansione dettagliata della punta del dito medio.
La risoluzione stimata delle immagini finali era compresa tra i 6 e i 9 micrometri, o poco più della larghezza di un globulo rosso umano. I ricercatori sono stati in grado di vedere i resti di cellule adipose, vasi sanguigni e nervi; sono stati anche in grado di rilevare i vasi sanguigni nel letto ungueale (è una componente dell’unghia) e distinguere i diversi strati della pelle.
Jenny Romell in conclusione ha detto:
«I tessuti molli antichi con la tomografia computerizzata (TC) a contrasto di fase, possono essere visualizzati in un modo che non abbiamo mai visto prima. I risultati indicano la strada verso un suo ruolo come complemento o alternativa ai metodi invasivi utilizzati nella paleopatologia dei tessuti molli che richiedono l’estrazione e la lavorazione chimica del tessuto. A causa della loro natura potenzialmente distruttiva, questi metodi sono inopportuni o non accettabili per l’analisi di molti campioni vecchi e fragili.
Proprio come la tomografia computerizzata (TC) convenzionale è diventata una procedura standard nelle indagini su mummie e altri resti antichi, consideriamo la tomografia computerizzata (TC) a contrasto di fase come un naturale complemento ai metodi esistenti. Speriamo che trovi la sua strada verso i ricercatori medici e gli archeologi che hanno lottato a lungo per recuperare informazioni dai tessuti molli, e che un uso diffuso del metodo del contrasto di fase porti a nuove scoperte nel campo della paleopatologia».

, ,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →