Ricercatori svedesi hanno identificato un meccanismo naturale che può aiutare a regolare il grasso corporeo

La nuova ricerca ha evidenziato che i nostri corpi possono avere il loro meccanismo interno che può monitorare il peso corporeo, funziona come una bilancia da bagno, potrebbe anche farci sapere quando è il momento di ridurre il cibo. Il sistema di regolazione del grasso corporeo proposto è stato trovato solo nei roditori, ma gli scienziati dell’Università di Göteborg in Svezia sono desiderosi di vedere se possono osservare gli effetti anche negli esseri umani.
John-Olov Jansson, professore all’Accademia Sahlgrenska dell’Università di Göteborg, autore dello studio ha detto:
«Abbiamo scoperto un sistema completamente nuovo che regola la massa grassa. Speriamo che questa scoperta possa portare a una nuova direzione nella ricerca sull’obesità. I risultati possono anche fornire nuove conoscenze sulla causa dell’obesità e, a lungo termine, nuove terapie dell’obesità».
John-Olov Jansson e i suoi colleghi hanno fatto la loro scoperta impiantando nei corpi dei topi il peso in eccesso sotto forma di capsule. Poi li hanno confrontati con topi con capsule vuote poste nello stomaco. I ricercatori durante il corso dello studio, ogni giorno hanno misurato i pesi degli animali, dopo un paio di settimane, entrambi i gruppi di topi riportavano quasi lo stesso peso, il che significava che i topi artificialmente obesi avevano perso il peso extra.
Rispetto al gruppo impiantato con capsule vuote, ulteriori valutazioni hanno rivelato che il gruppo più pesante, tra le altre funzioni aveva meno grasso bianco (aiuta a riscaldare il corpo e fornire energia).
Il team inoltre ha scoperto che il grasso bruno (funziona per bruciare energia), non era più elevato nei roditori obesi di quanto non fosse negli animali più leggeri. Altresì hanno verificato che i topi più pesanti stavano mangiando meno delle loro controparti. Il team ha concluso che qualcosa stava succedendo internamente.

Oltre la Leptina
Gli scienziati nel 1994 hanno scoperto la leptina, è un ormone che aiuta a regolare il metabolismo del corpo. I ricercatori svedesi nell’ultimo studio, pubblicato negli Atti dell’Accademia Nazionale delle Scienze, sottolineano che si tratta di un altro meccanismo al lavoro.
Claes Ohlsson autore dello studio, professore all’Università di Göteborg ha detto:
«Il meccanismo che abbiamo identificato regola la massa grassa del corpo indipendentemente dalla leptina, è possibile che la leptina combinata con l’attivazione delle scale corporee interne possa diventare un trattamento efficace per l’obesità».

Gravitostato
I ricercatori hanno soprannominato “gravitostato” il nuovo meccanismo naturale che può aiutare a regolare il grasso corporeo, è composto di due parole latine: gravis, che si traduce in “pesante” e status, che significa “stabile”.
Il gravitostato, come altri omeostati, si basa sulla comunicazione tra un sensore, un centro d’integrazione e un effettore (in anatomia, qualsiasi organo capace di reagire a un impulso nervoso). Il suo sensore è probabilmente localizzato nelle estremità inferiori portanti. I nostri dati indicano che almeno una parte di questo sensore è negli osteociti (sono le cellule più numerose nell’osso che ha completato il suo sviluppo).
L’aumento della massa grassa è neutralizzato sia dal gravitostato sia dalla maggiore leptina derivata dal grasso. Il gravitostato attiva un segnale pertinente per l’omeostasi del peso corporeo per ridurre l’assunzione di cibo. La leptina ha la capacità di ridurre il peso corporeo, in una certa misura mediata da una ridotta assunzione di cibo. Pertanto, sia il gravitostato sia la leptina alla fine agiscono sul cervello e sembrano avere lì i loro centri integrativi. Sebbene sia la leptina sia il gravitostato abbia la capacità di regolare la massa grassa, è stato proposto che il ruolo della leptina sia principalmente nella parte inferiore dell’omeostasi della massa grassa, mentre i dati attuali dimostrano che il gravitostato è efficace nell’obesità indotta dalla dieta.
Gli studi futuri sono garantiti per determinare se l’attivazione del gravitostato spiega gli effetti benefici dello stare in piedi. Inoltre, quando è stato valutato in un rilevante modello di malattia, è stato osservato che il carico ha alleviato l’obesità indotta dalla dieta e migliorato la sensibilità all’insulina, suggerendo che il gravitostato è un interessante bersaglio farmacologico per le malattie metaboliche.

, , ,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

Lascia un commento