Ricercatori hanno sviluppato un test rapido per l’uso di marijuana, equivalente a un etilometro

I ricercatori per rilevare l’uso di marijuana, potrebbero essere un passo avanti verso lo sviluppo dell’equivalente di un etilometro, nello studio pubblicato nella rivista Science Translational Medicine, hanno riportato che il loro test rapido in meno di 5 minuti era in grado di rilevare in modo affidabile il THC nella saliva delle persone. Il THC, abbreviazione di tetraidrocannabinolo, è l’ingrediente attivo della marijuana.
I ricercatori hanno detto che in questo momento, il “miglior sistema” per rilevare l’uso di marijuana è misurare il THC nel sangue o nelle urine, ma questi test possono richiedere giorni per essere elaborati. L’altro svantaggio è che, a differenza dell’alcol, il THC può rimanere nel flusso sanguigno per giorni o addirittura settimane, quindi un esame del sangue “positivo” non riflette necessariamente l’uso recente. Ciò ha reso difficile sviluppare un test su strada per l’uso di marijuana, simile all’etilometro utilizzato per misurare i livelli di alcol dei conducenti.
Hakho Lee ricercatore del Center for Systems Biology del Massachusetts General Hospital di Boston, responsabile del team che ha sviluppato il test, ha detto:
«Il THC nella saliva riflette l’uso di marijuana nelle ultime 12 ore. Esistono alcuni test sulla saliva per il THC, ma sono ostacolati da problemi come il tempo di elaborazione lento o i risultati “binari”, simili a un sì/no su un test di gravidanza. Il mio team è stato in grado di sviluppare un test rapido che in 3 minuti, non solo rileva rapidamente il THC nella saliva, ma ne quantifica la quantità. Lo studio nei test iniziali con 43 consumatori di marijuana e 43 non consumatori, ha rilevato con precisione il THC nei campioni di saliva di tutti i consumatori della droga».
I ricercatori hanno anche utilizzato il test per monitorare come i livelli di THC dei consumatori di marijuana cambiavano nel tempo. Il THC in generale nella saliva è diminuito abbastanza rapidamente dopo che le persone hanno fumato la droga, anche se dopo 6 ore i livelli sono rimasti al di sopra di 1 ng/ml. È questo il limite raccomandato dal progetto European Driving Under the Influence of Drugs, Alcohol and Medicines.
Il problema più rilevante è che, a differenza dell’alcool, non c’è un livello di THC che definisca l’intossicazione. Hakho Lee ha detto:
«È un fattore complicato perché il livello di compromissione associato a una data concentrazione di THC varia in base, per esempio, a come la marijuana viene ingerita e se la persona è un consumatore abituale; tuttavia, con un ulteriore perfezionamento, il nostro test rapido potrebbe rivelarsi utile per i test su strada dei conducenti sospettati di essere sotto l’effetto di sostanze stupefacenti. E in generale, ci sono anche potenziali applicazioni per il pubblico, come il controllo del latte materno, in modo che i bambini non siano inavvertitamente esposti al THC».
Guohua Li, professore alla Columbia University Mailman School of Public Health di New York City, studia il ruolo delle droghe negli incidenti stradali e altre lesioni, ha detto:
«La performance iniziale del nuovo test è molto incoraggiante. Le prove sono schiaccianti e coerenti nel mostrare una relazione tra l’uso di marijuana e un aumento del rischio di essere coinvolti in un incidente mortale. Il rischio associato al solo uso di marijuana non è così grande come quello della guida in stato di ebbrezza, ma in media, i conducenti che hanno usato marijuana hanno circa il doppio del rischio di essere coinvolti in un incidente mortale rispetto ai non consumatori».
Guohua Li ha sottolineato la crescente prevalenza dell’uso di marijuana, negli ultimi due decenni c’è stato un marcato aumento della percentuale di conducenti feriti mortalmente che sono stati trovati positivi al THC. Le ultime scoperte, offrono una “prova di concetto” che un test rapido su strada per il THC è possibile, ma molto più lavoro è necessario prima che possa essere usato sul campo.

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →