Il test del DNA può identificare rapidamente la polmonite nei pazienti con grave Covid-19, favorendo un trattamento più rapido

I ricercatori hanno sviluppato un test del Dna per identificare rapidamente le infezioni secondarie nei pazienti con coronavirus Covid-19, che hanno il doppio del rischio di sviluppare la polmonite durante la ventilazione rispetto ai pazienti non coronavirus Covid-19.
La ventilazione meccanica per i pazienti con le forme più gravi di coronavirus Covid-19 è spesso l’unico modo per mantenerli in vita, poiché i medici utilizzano terapie antinfiammatorie per curare i polmoni infiammati. Tuttavia, questi pazienti sono suscettibili a ulteriori infezioni causate da batteri e funghi che possono contrarre durante il ricovero in ospedale, come la cosiddetta “polmonite associata al ventilatore”.
Ora, un team di scienziati e medici dell’Università di Cambridge e della Cambridge University Hospitals NHS Foundation Trust, guidato dal professor Gordon Dougan, dal dottor Vilas Navapurkar e dal dottor Andrew Conway Morris, ha sviluppato un semplice test del Dna per identificare rapidamente queste infezioni e secondo necessità scegliere l’antibiotico più idoneo.
Il test, sviluppato presso l’ospedale di Addenbrooke in collaborazione con Public Health England, fornisce ai medici le informazioni di cui hanno bisogno per iniziare il trattamento entro poche ore anziché giorni, perfezionando il trattamento secondo necessità e riducendo l’uso inappropriato di antibiotici. Il metodo basato su test del Dna a maggiore produttività, è in fase di implementazione negli ospedali dell’Università di Cambridge, in generale offre un percorso verso migliori trattamenti. Lo studio pubblicato nella rivista Critical Care è stato finanziato dal National Institute for Health Research Cambridge Biomedical Research.

Polmonite secondaria
I pazienti che necessitano di ventilazione meccanica mentre sono in terapia intensiva corrono un rischio significativo di sviluppare la polmonite secondaria. Spesso queste infezioni sono causate da batteri resistenti agli antibiotici, sono difficili da diagnosticare e richiedono un trattamento mirato.
Andrew Conway Morris consulente di terapia intensiva del Dipartimento di Medicina di Cambridge, coautore dello studio, ha detto:
«All’inizio della pandemia abbiamo notato che i pazienti con coronavirus Covid-19 sembravano essere particolarmente a rischio di sviluppare la polmonite secondaria, abbiamo iniziato a utilizzare un test diagnostico rapido che avevamo sviluppato proprio per una situazione del genere. Utilizzando questo test, abbiamo scoperto che i pazienti con coronavirus Covid-19 avevano il doppio delle probabilità di sviluppare una polmonite secondaria rispetto a altri pazienti nella stessa unità di terapia intensiva».
Si ritiene che i pazienti con coronavirus Covid-19 siano a maggior rischio di infezione per diversi motivi, a causa dell’entità del danno polmonare, questi casi gravi di coronavirus Covid-19 tendono a trascorrere più tempo su un ventilatore rispetto ai pazienti senza coronavirus Covid-19. Inoltre, molti di questi pazienti hanno anche un sistema immunitario scarsamente regolato, dove le cellule immunitarie danneggiano gli organi, ma hanno anche funzioni antimicrobiche compromesse, aumentando il rischio di infezione.
È difficile confermare una diagnosi di polmonite poiché i campioni batterici dei pazienti devono essere coltivati in laboratorio, il che richiede tempo. Il test Dna di Cambridge adotta un metodo alternativo rilevando il Dna di diversi agenti patogeni, ciò consente test più rapidi e accurati. Il test utilizza la reazione a catena della polimerasi multipla (PCR), rileva il Dna dei batteri e può essere eseguito in circa quattro ore, significa che non è necessario attendere che i batteri crescano.
Andrew Conway Morris ha detto:
«Spesso, i pazienti hanno già iniziato a ricevere antibiotici prima che i batteri abbiano avuto il tempo di crescere in laboratorio, ciò significa che i risultati delle colture sono spesso negativi; la reazione a catena della polimerasi multipla (PCR), non necessita di batteri vitali per essere rilevata, rendendo questo un test più accurato».
Il test, sviluppato con il dottor Martin Curran, specialista in diagnostica PCR del laboratorio Cambridge di Public Health England, esegue più reazioni PCR in parallelo, può raccogliere simultaneamente 52 diversi agenti patogeni, che spesso infettano i polmoni dei pazienti in terapia intensiva, allo stesso tempo, può anche testare la resistenza agli antibiotici.
Mailis Maes del Dipartimento di Medicina, autore principale dello studio, ha detto:
«Abbiamo scoperto che, sebbene i pazienti con coronavirus Covid-19 avessero maggiori probabilità di sviluppare la polmonite secondaria, i batteri che hanno causato queste infezioni erano simili a quelli dei pazienti in terapia intensiva senza il coronavirus Covid-19. Ciò significa che i protocolli antibiotici standard possono essere applicati ai pazienti con coronavirus Covid-19».
È una delle prime volte che questa tecnologia è stata utilizzata nella pratica clinica di routine, ora è stata approvata dall’ospedale. I ricercatori prevedono che applicazioni simili utilizzate in modo più ampio andrebbero a vantaggio dei pazienti.

,

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →