E’ record il lancio senza paracadute di Luke Aikins con atterraggio nella rete da 7,6 km d’altezza (video)

Il 30 luglio 2016 un paracadustista di 42 anni con oltre 18.000 lanci, ha fatto la storia diventando la prima persona al mondo a lanciarsi senza paracadute o tuta alare e atterrare in una rete.
Luke Aikins da 7,6 km d’altezza in caduta libera durata due minuti alla velocità di 193 km l’ora è atterrato su un’enorme rete di 30,5 metri quadrati (tenuta tesa da quattro gru) collocata all’interno del Big Sky Movie Ranch uno dei più antichi e più estesi studi cinematografici alla periferia di Simi Valley, in California. Il Big Sky Movie Ranch nel corso degli ultimi cinquant’anni ha ospitato innumerevoli film, show televisivi, spot pubblicitari, video musicali, servizi fotografici ed eventi speciali.
Luke Aikins dopo aver compiuto l’impresa, tra gli applausi, sceso dalla rete è andato ad abbracciare la moglie, Monica, insieme al figlio, Logan e altri parenti, da terra avevano seguito il suo lancio, ha detto:
«Sto quasi levitando, è incredibile quanto è appena successo!». «Non riesco nemmeno a farmi uscire le parole di bocca», ha aggiunto, mentre ringraziava i membri dell’equipaggio con cui ha trascorso due anni per preparare il lancio, e le persone che hanno assemblato le reti di un peschereccio.
L’impresa è stata trasmessa in diretta televisiva su Fox durante il programma TV “Stride Gum Presents Heaven Sent”. La Screen Actors Guild (SAG) il sindacato statunitense che rappresenta più di 150.000 attori di cinema e televisione, aveva imposto a Luke Aikins di indossare il paracadute prima di salire sull’aereo. Luke Aikins ha risposto che indossare lo zainetto del paracadute sulla schiena e atterrare sulla rete sarebbe stato molto pericoloso, poi se doveva indossarlo per forza, non avrebbe azionato la leva per aprirlo. I responsabili dello show alla fine hanno permesso ad Aikins di salire sull’aereo senza il paracadute.
Luke Aikins si è lanciato da un’altezza di 7,6 chilometri insieme a tre paracadutisti: uno aveva la videocamera, un altro aveva il fumogeno per permettere alla gente a terra di seguire la sua discesa e il terzo quando necessario durante la discesa aveva una bombola per erogare ossigeno. A una certa altezza dal suolo i tre assistenti hanno aperto il loro paracadute lasciando Luke Aikins scendere velocemente prima di impattare sulla rete.

Famiglia di paracadutisti
Luke Aikins ha ammesso che prima del salto era nervoso, sua madre è stata l’unica tra i famigliari a non voler vedere il suo lancio.
E’ stato il suo amico Chris Talley due anni fa a proporgli l’idea del lancio, inizialmente rifiutata da Aikins: «Non è per me, ho una moglie e un figlio». Dopo un paio di settimane ha cambiato idea, motivato anche dal ricordo del 2012 dell’impresa di Felix Baumgartner, il primo paracadutista a lanciarsi da 39mila metri e superare il muro del suono in caduta libera.
Luke Aikins come riporta Cbc News aveva dodici anni quando ha compiuto il suo primo lancio in tandem, a sedici anni il battesimo del suo primo lancio da solista, da allora ha fatto più di 18.000 lanci.
Suo padre e suo nonno erano paracadutisti, sua moglie ha fatto 2.000 lanci. La sua famiglia possiede il Centro paracadutismo di Skydive Kapowsin vicino a Tacoma, Washington.
Luke Aikins è anche un consulente per la sicurezza e la formazione per l’Associazione Paracadutisti degli Stati Uniti, è certificato per insegnare agli studenti e istruttori di paracadutismo, civili e militari.

Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

Lascia un commento