Putin propone di sostituire Wikipedia con una versione russa “affidabile”

Il presidente russo Vladimir Putin nel corso della Riunione del Consiglio sulla lingua russa (Russian Language Council), tenutasi al Cremlino lo scorso 5 novembre, ha proposto di sostituire l’enciclopedia crowdfunding online Wikipedia con una versione russa. Ha detto all’agenzia di stampa RIA Novosti:
«È meglio sostituirla con la nuova grande enciclopedia russa in formato elettronico, qui le informazioni saranno comunque affidabili in formato moderno».
Il Cremlino ha annunciato lo scorso settembre un progetto di legge che prevede di spendere 1,7 miliardi di dollari per la creazione negli anni 2020-2022 della versione russa della Wikipedia online. La casa editrice che pubblica la copia cartacea dell’Enciclopedia russa riceverà i soldi per creare la versione elettronica.

Internet della Russia
L’annuncio di Putin sulla nuova Wikipedia russa è avvenuto il giorno dopo l’entrata in vigore di una nuova legge, teoricamente permette alle autorità russe di disconnettere il paese da Internet. Il governo afferma che la legge mira a mantenere il funzionamento regolare della rete russa in caso di crisi o attacco esterno. Tuttavia, i critici avvertono che le nuove regole consentiranno la censura dei contenuti indesiderati dal Cremlino con il pretesto di un’indefinita “minaccia alla sicurezza”.
Gruppi di attivisti per la libertà digitale come RSF affermano che la legge consentirà alle autorità di bloccare i contenuti senza dire al pubblico cosa è stato bloccato e perché. Lo scorso maggio migliaia di persone hanno manifestato contro la legge, firmata dal presidente Vladimir Putin.
Christian Mihr, direttore esecutivo di RSF Germania, ha detto:
«Anche se i nuovi regolamenti potrebbero non essere pienamente applicabili, dimostrano quanto sia ampiamente minacciata la libertà di Internet in Russia».

Problemi tecnici
La Russia ha previsto anche la creazione di un Domain Name System (DNS) russo indipendente, entrerà in vigore nel gennaio 2021. Il DNS significa che gli utenti russi non determineranno più a quale sito Web saranno inviati quando inseriscono un indirizzo. Lo Stato sarà quindi in grado di indirizzarli verso falsi siti Web o nessun sito.
Tuttavia, non è chiaro se l’isolamento previsto dalle autorità russe sia tecnicamente fattibile, poiché richiede a tutti i fornitori russi e altri fornitori di servizi di installare la tecnologia che consente all’autorità dei media, Roskomnadzor, di bloccare il traffico di dati. Finora, la maggior parte dei provider di servizi Internet non ha la tecnologia.
L’associazione delle imprese russe, l’Unione russa degli industriali e degli imprenditori, ha avvertito che la legge potrebbe portare a un “fallimento catastrofico” delle reti di comunicazione in Russia.
Ha anche affermato che sarebbe difficile separare la Russia dai server stranieri responsabili di svolgere gran parte dell’attività di transazione commerciale delle società russe.

Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →