Preistoria europea – Scoperta fossa comune con 15 scheletri risalenti a 5.000 anni fa

Omicidio di massa
Il team internazionale, guidato da ricercatori delle università di Copenaghen e Aarhus, ha fatto luce in Polonia su una misteriosa fossa comune di 5.000 anni fa. Le vittime, nonostante siano state uccise brutalmente, sono state sepolte con cura in una fossa comune, affiancate da doni. Il DNA antico ha rivelato che l’omicidio di massa riguarda una famiglia numerosa.
I nuovi risultati della ricerca gettano luce su un’era particolarmente violenta nella preistoria europea di cui si sa poco. Lo studio è stato appena pubblicato sulla prestigiosa rivista americana, Proceedings of National Academy of Sciences (PNAS).

Scoperta della fossa comune
Otto anni fa è stata rinvenuta una fossa comune nel villaggio polacco meridionale di Koszyce. Le circostanze che circondano la tomba di 5.000 anni fa sono da allora un mistero. Sono stati trovati 15 scheletri di donne, bambini e ragazzi, ognuno dei quali è stato ucciso da potenti colpi alla testa. Tuttavia, i loro corpi erano ben sistemati l’uno accanto all’altro e con un’abbondanza di doni per il loro viaggio finale.
Il team internazionale, composto di ricercatori delle università di Copenaghen e di Aarhus e del Museo Archeologico di Poznan, in Polonia, dopo aver utilizzato profili di DNA ha scoperto che l’omicidio di massa riguarda una famiglia numerosa di tre generazioni.
I ricercatori con le analisi genomiche, datazione al radiocarbonio, analisi isotopiche e dati archeologici, hanno acquisito una visione dettagliata di questa società dell’età della pietra e di un macrabo evento risalente a circa 5.000 anni fa.
Morten Allentoft biologo evoluzionista dell’Università di Copenhagen, ha detto:
«Analizzando il DNA antico dagli scheletri, siamo stati in grado di mappare ciascuna delle relazioni familiari. Abbiamo visto che a fianco a fianco le madri erano poste accanto ai loro figli e fratelli. Coloro che hanno sepolto i morti li conoscevano bene. Sappiamo anche che la maggior parte dei padri di questa famiglia allargata non erano presenti nella tomba.
Il nostro suggerimento è che non erano all’insediamento quando si è verificato il massacro; in seguito hanno sepolto le loro famiglie in modo rispettoso».
Hannes Schroeder arcaico-genetista dell’Università di Copenhagen ha aggiunto:
«Non sappiamo chi è stato il responsabile di questo massacro, è interessante sapere che è accaduto 5.000 anni fa, mentre il tardo neolitico stava passando all’età del bronzo. Le culture europee durante questo periodo sono state pesantemente trasformate da un’antica popolazione di nomadi-guerieri, gli Yamnaya, giunti a cavallo dalle pianure dell’Est. E’ facile immaginare che questi cambiamenti abbiano in qualche modo scatenato violenti scontri territoriali».
Niels N. Johannsen archeologo dell’Università di Aarhus, riguardo ai reperti archeologi, ha detto:
«Sappiamo da altre scoperte sulle tombe che in questo periodo si sono verificati violenti conflitti tra diversi gruppi culturali. Tuttavia, non sono mai stati chiaramente documentati come in questo caso. Il nostro studio a parte la violenza e la tragedia, dimostra che circa 5.000 anni fa l’unità e la cura della famiglia sia nella vita sia nella morte hanno significato molto per queste persone».

Collaborazione internazionale
I tre ricercatori danesi per chiarire questo misterioso omicidio risalente a 5.000 anni fa, hanno sottolineato l’importanza di una stretta collaborazione tra esperti di DNA antico (abbreviato, aDNA), archeologia, antropologia e analisi isotopiche.
Marzena Szmyt, direttrice del Museo Archeologico di Poznan, entusiasta dei risultati interdisciplinari del gruppo internazionale di esperti, ha detto:
«I nuovi risultati, finanziati in parte dalla Villum Foundation e Aarhus University Research Foundation, hanno permesso ai test genetici di estendere in modo rilevante la nostra conoscenza di un periodo particolarmente tumultuoso della preistoria europea».

Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →