Comunità Europea – In vigore le nuove regole sui matrimoni internazionali

In data odierna è in vigore il Regolamento della Comunità europea che chiarisce le norme applicabili ai regimi patrimoniali delle coppie sposate internazionali o delle unioni registrate.
Il regolamento stabilisce norme chiare in caso di divorzio o di decesso, pone fine a procedimenti paralleli ed eventualmente contrastanti in vari Stati membri, ad esempio in materia di proprietà o di conti bancari. In breve, apporterà maggiore chiarezza giuridica per le coppie internazionali.
Frans Timmermans, Primo vicepresidente della Commissione Europea ha dichiarato:
«L’entrata in vigore della norma è una buona notizia per il crescente numero di coppie internazionali in Europa: se divorziano o muoiono si tratta di dare la certezza a migliaia di coppie europee di ciò che accade alle loro proprietà. Sono sicuro che questi regolamenti aiuteranno molte coppie europee a gestire momenti così difficili».
Vera Jourová, commissario europeo per la giustizia, ha dichiarato:
«Queste nuove norme renderanno più facile e meno costoso dividere i beni comuni, darà un certo sollievo alle persone in circostanze difficili. Oltre 16 milioni di coppie internazionali beneficeranno di procedure chiare in caso di divorzio o morte del partner. Potranno risparmiare circa 350 milioni di euro all’anno in spese legali. Incoraggio gli altri Stati membri ad aderire alla cooperazione rafforzata nell’interesse di tutte le coppie internazionali in tutta l’UE».
Le norme poiché non è stato possibile raggiungere l’unanimità tra tutti gli Stati membri, si applicheranno ai seguenti 18 Stati membri: Austria, Belgio, Belgio, Bulgaria, Croazia, Cipro, Cipro, Repubblica Ceca, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Italia, Lussemburgo, Malta, Paesi Bassi, Portogallo, Slovenia, Spagna e Svezia.

La nuova normativa:
– chiarisce quale tribunale nazionale è competente per aiutare le coppie a gestire i loro beni o distribuirli tra di loro in caso di divorzio, separazione o morte;
– chiarisce quale diritto nazionale prevale in caso di potenziale applicazione delle norme di più paesi;
– in materia patrimoniale in uno Stato membro facilita il riconoscimento e l’esecuzione di una decisione emessa in un altro Stato membro.

I 18 Stati membri che hanno aderito alla cooperazione rafforzata costituiscono il 70% della popolazione dell’UE, rappresentano la maggioranza delle coppie internazionali che vivono nell’Unione europea. Tali Stati membri hanno adottato i regolamenti nel giugno 2016 nell’ambito della cooperazione rafforzata. Gli altri Stati membri possono aderire a entrambi i regolamenti in qualsiasi momento.
Gli Stati membri non partecipanti continueranno ad applicare il diritto nazionale (comprese le norme di diritto internazionale privato) alle situazioni transfrontaliere relative ai regimi patrimoniali tra coniugi e agli effetti patrimoniali delle unioni registrate.

Antefatto
La cooperazione rafforzata consente a un gruppo di almeno nove Stati membri di adottare misure se tutti i 28 Stati membri non riescono a raggiungere un accordo; altri paesi dell’UE mantengono il diritto di aderire alla cooperazione rafforzata quando lo desiderano (vedi articolo 331 del TFUE).
Il 16 marzo 2011 la Commissione ha adottato due proposte di regolamento concernente i regimi patrimoniali delle coppie internazionali: una per le coppie sposate e l’altra per le unioni registrate. Tali proposte erano intese a completare il quadro degli strumenti dell’UE per la cooperazione giudiziaria nel settore del diritto di famiglia. Le proposte dovevano essere adottate all’unanimità in sede di Consiglio; nel dicembre 2015 il Consiglio ha concluso che non era possibile raggiungere l’unanimità tra i 28 Stati membri.
Tra gli Stati membri, 17 hanno chiesto alla Commissione di rafforzare la cooperazione tra loro nel settore dei regimi patrimoniali delle coppie internazionali, compresi i matrimoni e le unioni registrate. Cipro ha aderito alla cooperazione rafforzata in una fase successiva.
La Commissione nel marzo 2016 ha nuovamente presentato le due proposte che riprendono l’accordo politico raggiunto in sede di Consiglio; il 24 giugno 2016 il Consiglio ha adottato entrambi i regolamenti.

Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →