La nuova ricostruzione virtuale di un torace di Neanderthal suggerisce che respiravano diversamente dall’uomo moderno

I Neanderthal erano cacciatori-raccoglitori, hanno abitato l’Eurasia occidentale per più di 200 mila anni durante i periodi glaciali e interglaciali fino a quando si sono estinti circa 40 mila anni fa; mentre alcune delle parti anatomiche di questi esseri umani estinti sono ben note, altre, come la colonna vertebrale e le costole, sono meno conosciute perché questi elementi sono più fragili e non ben conservati nei reperti fossili.
Lo scheletro parziale di Neanderthal (conosciuto ufficialmente come Kebara 2, soprannominato “Moshe”) appartenente a un giovane uomo Neanderthal morto circa 60.000 anni fa è stato trovato nel 1983 nel sito di Kebara (Monte Carmelo, Israele) anche se è privo di cranio perché qualche tempo dopo la sepoltura è stato rimosso, probabilmente come conseguenza di un rituale funerario, tutte le vertebre e le costole sono conservate, così come altre regioni anatomiche fragili, come il bacino o l’osso ioide (un osso del collo cui sono attaccati alcuni muscoli della lingua).
E’ lo scheletro che conserva il torace più completo del patrimonio fossile. Nuovi metodi statistici e di ricostruzione virtuale hanno permesso ai ricercatori di acquisire nuove conoscenze, appena pubblicate sulla prestigiosa rivista Nature Communications.
I resti di Neanderthal da oltre 150 anni sono stati trovati in molti siti in Europa e in Asia occidentale (compreso il Medio Oriente) la morfologia toracica di questa specie umana è stata oggetto di dibattito fin dal 1856, quando sono state trovate le prime costole appartenenti a questo gruppo umano.
Le ricostruzioni virtuali nell’ultimo decennio sono diventate un nuovo strumento sempre più utilizzato nello studio dei fossili. Tale metodologia è particolarmente utile per i fossili fragili, come le vertebre e le costole che formano il torace. Lo stesso gruppo di ricerca quasi due anni fa, ha creato una ricostruzione della colonna vertebrale di questo individuo di Neanderthal, rispetto all’Homo sapiens la spina dorsale conservata di Kebara 2, mostra una curva meno pronunciata. L’articolo del team, pubblicato nel libro “Paleontologia e preistoria umana”, ha evidenziato una colonna vertebrale più dritta di quella degli esseri umani moderni.
I ricercatori per questo modello virtuale del torace hanno utilizzato sia osservazioni dirette dello scheletro di Kebara 2, ora ospitato presso l’Università di Tel Aviv, sia scansioni mediche CT (tomografia assiale computerizzata) di vertebre, costole e ossa pelviche. Riuniti tutti gli elementi anatomici, la ricostruzione virtuale è stata eseguita con l’ausilio di un software 3D progettato per questo scopo.
Alon Barash della Bar Ilan University in Israele ha detto:
«E’ stato un lavoro meticoloso, singolarmente abbiamo dovuto scansionare ogni vertebra e tutti i frammenti di costola e poi rimontarli in 3D virtuale».
Asier Gómez-Olivencia, ricercatore della Fondazione Basca per la Scienza Ikerbasque, ha aggiunto:
«Nel processo di ricostruzione, è stato necessario ‘tagliare’ e riallineare virtualmente alcune delle parti che mostravano deformazioni, e visualizzare a specchio le costole che erano state meglio conservate per sostituire quelle non ben conservate dall’altra parte».
torace di Neanderthal confronto con quello uomo moderno

Mikel Arlegi (UPV / EHU-Università di Bordeaux), ha detto:
«Il fondo ampio del petto e l’orientamento orizzontale di più costole, come si può vedere nella ricostruzione (vedi immagine sopra), suggeriscono che la respirazione dei Neanderthal dipendeva più dal diaframma. La nostra specie dipende sia dal diaframma sia dall’espansione della gabbia toracica. In questo studio possiamo vedere come l’uso di nuove tecnologie e metodologie per lo studio dei fossili forniscono nuove informazioni per comprendere la specie estinta».
Patricia Kramer dell’Università di Washington, in conclusione ha detto:
«E’ il coronamento di 15 anni di ricerca sul torace di Neanderthal, speriamo che le future analisi genetiche forniscano altri indizi sulla fisiologia respiratoria dei Neanderthal».

Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →