Obama con la sua Fondazione vuole “creare un milione di giovani Barack Obamas”

L’ex presidente degli Stati Uniti ha affermato che la sua Fondazione senza scopo di lucro potrebbe creare “leader emergenti” per prendere il testimone del “progresso umano”.

Barack Obama a Tokyo in Giappone durante una conferenza internazionale, sulla sua vita post-presidenziale ha ripetuto di voler creare un milione di giovani Barack Obamas per assumere il testimone del “progresso umano”, in quello che è stato visto come uno sforzo per sviluppare la “prossima generazione”.
Ha sottolineato che la sua Fondazione Obama organizzazione no-profit, potrebbe creare una “piattaforma per giovani e futuri leader” per scambiare informazioni tra loro sui progetti su cui intendono lavorare.
L’ex presidente degli Stati Uniti ha aggiunto:
«Se potessi farlo in modo efficace, allora creerei un centinaio o un migliaio di giovani Barack Obamas o Michelle Obamas, oppure il prossimo gruppo di persone che potrebbe prendere il testimone in quella staffetta che è il progresso umano».
Obama ha anche elogiato il potenziale degli studenti che il scorso 24 marzo 2018 ha partecipato alla manifestazione “Marcia per la nostra vita”, aggiungendo che il cambiamento era necessario per fermare la violenza armata nel paese. Ha detto:
«Tutto ciò è dovuto al coraggio e allo sforzo di alcuni ragazzi di 15 e 16 anni, nel tentativo di trovare una soluzione a questo problema, si sono assunti la responsabilità che spesso gli adulti non riescono a trovare. Penso che sia una testimonianza di ciò che accade quando i giovani hanno opportunità. Tutte le istituzioni devono trovare il modo di attingere a quella creatività, a quell’energia e a quella spinta».
Obama ha anche twittato il suo sostegno (*):
«Michelle ed io siamo stati ispirati da tutti i giovani che oggi hanno marciato. Continuate a farlo. Ci state guidando in avanti. Niente può ostacolare milioni di voci che chiedono il cambiamento».
(*) Donald Trump non ha commentato personalmente le marce, anche se la Casa Bianca ha elogiato i manifestanti per aver esercitato il loro diritto alla libertà di parola.

Social media e opinioni politiche
Obama ha anche discusso il problema dei social media che bloccano i lettori in base alle loro opinioni politiche. Ha sottolineato:
«Una delle cose su cui passeremo del tempo, attraverso la Fondazione, è trovare il modo di studiare questo fenomeno dei social media e di Internet per portare le persone che hanno opinioni differenti a iniziare ad avere un dibattito più civile e ascoltarci più attentamente».

Denuclearizzazione della Corea del Nord
L’ex presidente ha anche detto alla conferenza che i negoziati di denuclearizzazione con la Corea del Nord sono difficili perché il suo isolamento significa che altri Paesi sono poco influenti su di loro. La Corea del Nord è un esempio di un paese che è così lontano dalle norme internazionali e così disconnesso dal resto del mondo».

Obama e Trump
Obama è stato cauto nel criticare il suo successore, anche se ha fatto un’eccezione per due questioni come il divieto temporaneo d’ingresso negli Stati Uniti a immigrati di sette Paesi a maggioranza musulmana e per non avere esplicitamente condannato i suprematisti bianchi dopo gli scontri in Virginia, in particolare a Charlottesville, dove un’auto si è schiantata sulla folla durante la marcia dei suprematisti bianchi, uccidendo una persona che protestava contro la manifestazione.

 

Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

Lascia un commento