La mano di Barack Obama, letta da una chiromante astrologa, ecco quello che ha visto

Un ingrandimento fotografico, ha permesso a Lori Reid, di leggere la mano d’Obama

Lettura della mano di Obama«Il Presidente americano, appartiene al segno della "Mano d’acqua", quella degli scrittori, artisti, pensatori.
La sezione centrale delle dita è molto lunga, ciò dimostra che è un buon manager con eccellenti doti psicologiche, ascolta gli altri, anche se preferisce giungere alle sue conclusioni.
Il dito mignolo è particolarmente lungo in confronto alle altre dita, questo rivela il suo eccezionale talento come oratore.
La parte inferiore della falange del dito mignolo, su di un lato è paffuto, significa che nel corso degli anni il suo fisico tenderà ad ingrassare.
Il pollice, lungo e flessibile, dimostra che è un uomo che ascolta gli altri, ma ragiona con la sua mente.
Il palmo della mano, nella zona del Monte di Venere, quella che indica le capacità amatorie è molto pronunciata.
La linea della vita indica che è una persona generosa.
La linea del cuore, ben marcata, termina tra il primo e secondo dito della sua mano, indica un carattere emozionalmente forte di un uomo riservato.. E’ una persona pragmatica, un realista, il tipo di leader di cui abbiamo bisogno in questi tempi impegnativi».
Lori Reid, in conclusione, ha aggiunto:
«Barak Obama, ha anche una pronunciata "linea del sole", quella del successo, con la linea del destino molto dritta, contrassegnata adeguatamente dal suo nuovo ruolo di un uomo che ha il peso del mondo sulle sue spalle».

Fonte : The hand of power

Per approfondire la lettura della mano, leggi qui e qui.

, ,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

4 thoughts on “La mano di Barack Obama, letta da una chiromante astrologa, ecco quello che ha visto

  1. oltre le mani, forse legge anche i giornali :))

    mo’ vado a leggere la mia. la linea del sole manco ce l’ho… 🙁

    🙂

Lascia un commento