Marvia Malik è diventata la prima giornalista transgender in Pakistan un paese musulmano conservatore

Marvia Malik ha fatto la storia in Pakistan diventando la prima giornalista transgender in un paese musulmano conservatore in cui i membri della sua comunità sono derisi in pubblico, ostracizzati dalla famiglia e presi di mira in violenti attacchi.
Il Pakistan ha riconosciuto ufficialmente il transgender come un terzo genere nel 2012, ma le persone transgender sono per lo più confinate ai margini della società, con la maggior parte costrette a sopravvivere con l’accattonaggio, la danza e la prostituzione. La chirurgia di riassegnazione del sesso richiede un ordine del tribunale, l’approvazione della famiglia, la nota di uno psichiatra e una raccomandazione medica.
Marvia Malik a soli 21 anni sta già abbattendo alcune barriere. All’inizio di questo mese, è diventata la prima donna transgender a pavoneggiarsi in passerella durante una sfilata di moda. Lei dice che la sua vera passione è il giornalismo, ed è entusiasta di essere il volto delle notizie serali sulla rete privata Kohenoor TV nella sua nativa Lahore.

Marvia Malik ha detto:
«I miei genitori non mi hanno mai accettato come loro figlio. Non mi accetteranno mai. La nostra società tratta i transgender in modo vergognoso, degradandoli, negando loro posti di lavoro, ridendo di loro e schernendoli. Voglio cambiarlo».
Marvia Malik come molte persone transgender in Pakistan, ha avuto un’infanzia difficile. E’ stata vittima di bullismo da parte dei compagni di classe, i suoi genitori l’hanno costretta a lasciare casa dopo essersi diplomata. Si rifugiò con altre donne transgender e lavorò come estetista per studiare nella scuola di giornalismo.
E’ una storia diversa nell’ambiente della rete televisiva, dove dice di essere stata accolta a braccia aperte:
«Non posso esprimere il grande amore e il rispetto che ho ricevuto qui da quando ho iniziato a lavorare, non ho sentito alcuna discriminazione».
Junaid Ansari, direttore di Kohenoor TV la stazione televisiva che l’ha assunta, ha detto:
«Inizialmente alcuni dei suoi colleghi erano resistenti all’idea, ho deciso di darle una possibilità. Ho promesso che non avrebbe affrontato alcuna discriminazione. Malik sta facendo bene, mi ha ispirato ad assumere una seconda donna transgender, a lavorare come copywriter per curare la parte della pubblicità, i comunicati».
Ci sono altri segni di cambiamento nel paese. La Corte Suprema dopo che ordinò al governo di indicare sulle carte d’identità il transgender come terzo genere, l’agenzia nazionale responsabile per il rilascio delle stesse affermò che avrebbe impiegato persone transgender nei suoi uffici in tutto il paese.
Il mese scorso nella città portuale meridionale di Karachi in una mossa senza precedenti il Pakistan Boy Scouts Association (PBSA) ha iscritto nell’associazione 40 giovani transgender.
La decisione di riconoscere un terzo genere è stata vista come un passo nella giusta direzione da parte delle donne transgender, in precedenza costrette a identificarsi come uomini, portando a forme più gravi di discriminazione. Molti sperano che alla fine saranno riconosciuti come donne.
Le persone transgender affrontano maggiori rischi in aree più conservatrici del Pakistan, dove gli estremisti islamici li associano all’omosessualità e alla prostituzione. Farzana Jan, presidente di Trans Action Alliance, un gruppo per i diritti locali, ha detto:
«Nella provincia nord occidentale di Khyber Pakhtunkhwa, 55 persone transgender sono state uccise negli ultimi anni, altre centinaia sono state aggredite».
L’omicidio più recente è avvenuto martedì sera, quando uomini armati hanno aperto il fuoco su un risciò che trasportava una donna transgender che si chiamava Pinky e il suo compagno di sesso maschile. Entrambi sono morti per le ferite da arma da fuoco. Nessun arresto è stato fatto, la polizia ha detto che stanno indagando.
Marvia Malik ha detto di essere “scioccata” nel sentire le ultime uccisioni, ha in programma di organizzare proteste chiedendo che chi è dietro a tali attacchi siano ritenuti responsabili:
«Ho fatto la storia nel mio paese, ho giurato di usare la mia professione per cambiare l’atteggiamento generale della nostra società nei confronti delle persone transgender».
Farzana Jan, presidente di Trans Action Alliance, spera che Malik possa servire da modello per gli altri e cambiare la percezione popolare delle persone transgender, in conclusione ha detto:
«Grazie a Dio, uno di noi è andato in televisione a svolgere un lavoro serio, spero e credo che ciò ci aiuterà a ottenere i nostri diritti, la nostra protezione e il nostro rispetto».

Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Notify via Email Only if someone replies to My Comment