San Valentino in Pakistan, per celebrare l’amore i regali sono scambiati in segreto

Fuori dai cancelli del Kinnaird College l’università delle donne, nella città di Lahore, i ragazzi si avvicinano timidamente, tenendo rose e piccoli segni di affetto. Le ragazze, vestite di una gamma di colori rossi, accettano felicemente, anche se nervosamente scrutano intorno per vedere chi le osserva.
Sania Ehsan, ventuno anni, in apprensione mentre tiene un cestino pieno di cioccolatini e biscotti a forma di cuore fatti con le sue mani, dopo aver individuato il suo ragazzo avvicinarsi dal lato opposto della strada, ha detto: «Il 14 febbraio è un giorno molto speciale per me per celebrare l’amore perché l’anno scorso in questo giorno ho incontrato il mio fidanzato».
In una devota società musulmana dove l’adulterio è punibile con la morte e le manifestazioni pubbliche di amore sono vietate, i giovani utilizzano San Valentino come una forma di ribellione, alcuni lo considera una sorta di rivoluzione silenziosa.
Celebrare questo giorno è una sfida diretta ai rigidi gruppi islamici che dominano nel paese e che ritengono queste manifestazioni immorali.
Abdul Muqeet, presidente del Punjab dell’Università Jamiat-e-Talaba, l’ala studentesca del partito conservatore islamico Jamaat-e-Islami, ha detto:
«Ogni anno che si celebra il 14 febbraio, facciamo in modo di  marchiarlo come il “Giorno della Vergogna”. In tutto il Pakistan, organizziamo proteste, marce e la distribuzione di opuscoli per raccontare come la nostra giovinezza è manipolata verso questa tradizione immorale e non islamica.
San Valentino non ha alcuna rilevanza o posto in una società pakistana, è solo “volgarità”, una sfida per il sistema sacro della famiglia come concepita nell’Islam. Non possiamo consentire tali atti perché sono la rovina delle generazioni presenti e future».
Nonostante tali sentimenti, in tutto il Pakistan, le bancarelle vendono rose rosse e i ragazzi appendono sui loro scooter i palloncini a forma di cuore rosso. I Radio Jockey parlano di “amore nell’aria” mentre le panetterie sfornano prelibatezze uniche tra cui i tortini destinati “per il vostro amore speciale”.
Rehman Afridi, ventitré anni di Peshawar, con un malizioso luccichio negli occhi ha detto:
«Il San Valentino ufficiosamente si celebra nella maggior parte delle università. Noi, come giovani aspettiamo questo giorno, non solo per mostrare l’amore, ma anche per scoprire quali saranno le nuove coppie create in questo giorno».
La tradizione sta prendendo piede tra i giovani anche nella provincia pakistana più conservatrice di Peshawar, dove la polizia religiosa in stretta obbedienza ai costumi conservatori terrorizza la gente del posto. Il San Valentino qui come altrove in Pakistan è celebrato in modo segretissimo. Asam Khan, ventitré anni, studente a Peshawar, spiega:
«Mentre il mullah continua ad andare avanti con la teoria del complotto associato a San Valentino, in realtà nessuno lo ascolta. I ristoranti e i parchi a Peshawar sono pieni di coppie, ne ho viste tante saltare la lezione e andare in un ristorante o parco per celebrare il giorno, poi tornare all’università poco prima della fine delle lezioni, e poi andare a casa».
In Pakistan alcuni dicono che questo giorno porta ai giovani un nuovo senso di libertà, emancipazione e l’ispirazione. In Lahore, in attesa del loro San Valentino, un gruppo di giovani ragazze siedono pazientemente in panchina nel parcheggio del loro collegio, circondate da un’aria di ribellione.
Amina Shaheed, ventiquattro anni è categorica:
«Nella vita vogliamo essere liberi di fare le nostre scelte personali e professionali. Se amo qualcuno, i miei genitori devono sapere che ho tutto il diritto di stare con lui, non possono davvero fermarmi. Possono?
Inoltre, penso che sia retrogrado continuare a indicare le ragazze come persone discutibili e non buone per la società. Bisogna muoversi con il mondo, non ci possono far vivere in una bolla che hanno creato».
San Valentino alcuni lo utilizzano come giorno di spensieratezza. E’ tradizione per gli uomini indossare qualcosa di rosso, anche se in alcune parti del paese come a Peshawar, è considerato “poco virile”.
Afridi sulla festa ha aggiunto:
«Il nostro intero campus universitario è letteralmente dipinto in rosso, con i maschi vestiti di rosso, anche se è considerato da ragazzina. Credo che ci sarà sempre un gruppo di sfortunati come me che riescono in qualche modo a restare sempre single ma è tutto molto divertente».
In conclusione ci sono anche quelli che usano il 14 febbraio per tentare la fortuna in amore, dopo aver atteso così a lungo, credono che San Valentino sia il giorno per dire tutto. Quratulain Abbas, diciannove anni di Peshawar, spiega:
«Ho visto le proposte più interessanti presso la mensa del college. I ragazzi ispirati dal cinema si propongono alle ragazze in modi drammatici, alcuni vanno bene, altri sono respinti. Beh, spero solo in una migliore fortuna il prossimo anno».

Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

Lascia un commento