Cose turche: che fanno 10 atei in camera con un rabbino, un monaco buddista, un sacerdote greco-ortodosso e un imam musulmano?

Turkish game show a leap of faith. Convert to religion and win! That’s the premise of a new show offering a vacation with every salvation

Kanal T - TurchiaThe premise of this TV reality show sounds like an old joke: “What do you get when you put a rabbi, a Buddist monk, a Greek Orthodox priest and a Muslim imam in the room with 10 atheists?”
It brings together local leaders of four religions who then try to convert a group of 10 atheists to their respective faiths on live television.
"Penitents Compete"  ("Tovbekarlar Yarısıyor" in Turkish) will air on Turkish television channel Kanal T this September.
And the prize for those who find a new relationship with the almighty? An all-expenses paid pilgrimage to a holy site of their newly chosen religion — Mecca for Muslims, the Vatican for Christians, Jerusalem for Jews and Tibet for Buddhists. Full text

____________
Italian version

Cose turche: che fanno 10 atei in camera con un rabbino, un monaco buddista, un sacerdote greco-ortodosso e un imam musulmano?

Il primo reality a lasciare molti dubbi è stato "Big Brother", poi è arrivato "The Big Donor Show", dove una malata terminale di cancro doveva scegliere uno fra tre dializzati per donargli il suo rene. L’annuncio del programma scatenò accese polemiche fino al momento della diretta televisiva quando a sorpresa svelarono che era solo un pretesto (la finta malata di cancro era un’attrice) per sensibilizzare l’opinione pubblica sul problema della carenza di donazioni per i trapianti d’organo.
Ora, proprio quando si pensava che i reality show non avrebbero più scandalizzato nessuno, è in arrivo un programma turco pronto a riaccendere la polemica con il suo "Penitents Compete" (Penitenti in competizione).
La premessa di questo reality show suona come una vecchia battuta da caserma:
Che cosa accade quando in una camera con 10 atei entrano un rabbino, un monaco buddista, un sacerdote greco-ortodosso e un imam musulmano? Cose turche … direbbe qualcuno.
In realtà nella camera da settembre in diretta televisiva sul canale turco "Kanal T", i leader locali di quattro religioni tenteranno di convertire alle rispettive fedi un gruppo di 10 atei.
Il premio per i concorrenti atei che si faranno convincere ad abbracciare una delle religioni, sarà un pellegrinaggio con tutte le spese pagate per raggiungere il luogo santo della religione scelta: la Mecca per i musulmani, il Vaticano per i cristiani, Gerusalemme per gli ebrei e il Tibet per i buddisti.
La selezione dei 10 concorrenti sarà fatta da una commissione di otto teologi che dovrà valutare l’effettivo ateismo dei partecipanti.
La finalità del programma è di convertire gli atei.
Ergec Selma, professione ballerino, seduto ai tavolini di un bar lungo l’affollata Istiklal Street di Istanbul (v. webcam in diretta), a domanda risponde:
"Sì, io sono musulmano, ma nessuno deve essere manipolato con un gioco televisivo per cambiare le proprie convinzioni. Sorridendo, rigira la domanda al suo intervistatore:
"Che cosa vincono gli atei se riescono a far abbandonare la fede ai quattro leader religiosi?".
La risposta al prossimo reality show …
, , ,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

4 thoughts on “Cose turche: che fanno 10 atei in camera con un rabbino, un monaco buddista, un sacerdote greco-ortodosso e un imam musulmano?

  1. Il Tibet ancora mi manca: pensi che potrei fare un “voto” per il Buddismo. Tempo d’un’estate…

    😛

Lascia un commento