La nuova specie di tardigrado, la creatura più resistente, è stata trovata casualmente in un parcheggio

I tardigradi furono descritti per la prima volta nel 1773 da Johann August Ephraim Goeze. Il nome Tardigrado significa “passo lento”, fu dato da Lazzaro Spallanzani nel 1777, proprio a causa della lentezza di quest’animale. E’ anche la creatura più resistente al mondo, potrebbe sopravvivere più di 10 miliardi di anni, superando le peggiori catastrofi cosmiche, quando la specie umana non ci sarà più. La nuova specie è stata scoperta casualmente in un parcheggio, fa parte di un gruppo di specie conosciute come hufelandi. Il macrobiotus hufelandi fu la prima specie di tardigradi scoperti, nel 1834.

Scoperta casuale
Kazuharu Arakawa, un ricercatore che studia la biologia molecolare dei tardigradi all’Università Keio in Giappone, ha scoperto la nuova specie di tardigrado “Macrobiotus shonaicus” in un piccolo campione di muschio. L’aveva raschiato dal parcheggio del suo appartamento nella città di Tsuruoka, lungo il Mar del Giappone.
Kazuharu Arakawa di solito prende campioni di muschio che trova in giro per la città, la porzione prelevata dal suo parcheggio si è rivelata speciale. I tardigradi che ha trovato lì potrebbero sopravvivere e riprodursi in un ambiente di laboratorio, cosa molto rara per queste creature: dopo aver sequenziato il genoma del piccolo animale, si rese conto che non coincideva con alcuna sequenza di tardigradi in precedenza trovati.

Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

Lascia un commento