Le Nazioni Unite direttamente dalla Libia hanno iniziato a portare in Italia i rifugiati africani

Le Nazioni Unite venerdì 22 dicembre 2017 dalla Libia hanno iniziato a trasferire i rifugiati africani in Italia, evacuandoli dai centri di detenzione le cui condizioni disumane sono state condannate da gruppi umanitari.
Centinaia di migliaia di migranti sono fuggite dai conflitti o dalla povertà in patria, ora sono intrappolati in Libia, dove avevano sperato di pagare i contrabbandieri per il passaggio in Europa attraverso l’Italia.
E’ la prima volta che l’Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati (UNHCR) in Libia ha evacuato i rifugiati direttamente in Europa. Un aereo militare C-130 italiano è atterrato all’aeroporto di Pratica di Mare, a sud della capitale con a bordo 110 donne e bambini; nella giornata un secondo volo ha portato più di 50 persone.
I migranti africani, compresi molti bambini piccoli, in una fredda serata sono sbarcati dall’aereo protetti da coperte o cappotti. Vincent Cochetel, inviato speciale dell’UNHCR per il Mediterraneo centrale, dopo l’arrivo del primo aereo in un comunicato ha detto:
«Speriamo davvero che altri paesi seguano lo stesso percorso. Alcuni evacuati hanno sofferto tremendamente, mentre erano in Libia, sono stati tenuti prigionieri in condizioni disumane. Cinque di queste donne hanno partorito durante la detenzione, ricevendo assistenza medica molto limitata».
L’UNHCR stima che circa 18.000 persone siano detenute in centri di detenzione per immigrati controllati dal governo di Tripoli, l’anno prossimo intende evacuare fino a 10.000 persone.
La Caritas ha detto che la Chiesa cattolica italiana ospiterà molti dei nuovi arrivati, migranti dell’Eritrea, Etiopia, Somalia e Yemen che hanno richiesto asilo, saranno inseriti nel sistema Sprar e accolti in sedici diocesi in tutto il paese: da Arezzo a Benevento, da Treviso a Varese, da Milano a Reggio Calabria. A tutti è stata concessa la protezione internazionale e tutti verranno inseriti in un percorso di integrazione.
Gli arrivi di migranti in Italia sono crollati di due terzi da luglio dello stesso periodo dell’anno scorso dopo che funzionari del governo appoggiato dall’ONU a Tripoli avevano persuaso i trafficanti di esseri umani nella città di Sabratha a fermare i barconi in partenza. L’Italia sta anche rafforzando la capacità della guardia costiera libica di far tornare indietro le barche.
La mossa italiana per aprire un sicuro corridoio umanitario per alcuni dei migranti è conseguente alle critiche dei gruppi per i diritti umani, hanno condannato gli sforzi del paese per bloccare i migranti in Libia in cambio di aiuti, formazione e attrezzature per combattere il contrabbando.
Marco Minniti ministro dell’Interno ai giornalisti ha detto:
«E’ un giorno storico, per la prima volta grazie al lavoro straordinario di tante persone si è aperto un canale umanitario legale dalla Libia all’Europa. Siamo riusciti a portare verso la salvezza donne e bambini, sottraendoli ai trafficanti di esseri umani. Questo è solo l’inizio».
Il contrabbando di migranti è fiorito dopo il rovesciamento di Muammar Gheddafi nel 2011, oltre 600.000 persone in quattro anni hanno compiuto il pericoloso viaggio attraverso il Mediterraneo centrale.
L’Unione africana afferma che ben 700.000 migranti si trovano in Libia, molti tenuti in detenzione dai trafficanti.
Le Nazioni Unite per i rifugiati (UNHCR) ha registrato più di 44.000 rifugiati e richiedenti asilo, classifica gli arrivi di venerdì come rifugiati “vulnerabili“, il che significa che sono bambini, vittime di abusi, donne, anziani o disabili.

,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

Lascia un commento