Il 1° gennaio 2020 entrerà in vigore il più grande cambiamento nella storia del mercato petrolifero

Ogni giorno decine di migliaia di navi che navigano negli oceani del mondo brucia più di 3 milioni di barili di carburante ad alto livello di zolfo, ma, dal prossimo anno, l’industria navale dovrà conformarsi alle regole imposte per ridurre drasticamente le emissioni di zolfo.
Steve Sawyer, esperto analista presso Facts Global Energy, ha detto:
«E’ il più grande cambiamento nella storia del mercato petrolifero, influenzerà i produttori di petrolio greggio, i commercianti, i proprietari di navi, i raffinatori, gli investitori azionari, le compagnie di assicurazione, le imprese di logistica, le banche».

Cos’è IMO 2020?
Il 1° gennaio 2020, l’Organizzazione marittima internazionale (IMO) imporrà nuove norme sulle emissioni destinate a ridurre significativamente l’inquinamento prodotto dalle navi di tutto il mondo.
IMO in una più ampia azione verso mercati energetici più puliti, vieterà le navi che utilizzano combustibili con un livello di zolfo superiore allo 0,5%, rispetto ai livelli attuali del 3,5% (si ritiene che il combustibile per uso marittimo più comune abbia un contenuto di zolfo di circa il 2,7%).
I nuovi regolamenti sono il risultato di una raccomandazione del 2009 presentata da una sottocommissione delle Nazioni Unite (ONU), è stata adottata nel 2016 dall’Organizzazione marittima internazionale (IMO) delle Nazioni Unite, stabilisce le regole per la sicurezza della navigazione e l’inquinamento.
La norma sul cambio del carburante è stata firmata da più di 170 paesi, inclusi gli Stati Uniti: dal 2020, le navi scoperte in violazione delle nuove leggi rischiano di essere sequestrate; i porti dei paesi cooperanti sono tenuti a controllare le navi in sosta.
L’industria navale è sottoposta a forti pressioni per ridurre le sue emissioni di zolfo, poiché l’inquinante è un componente delle piogge acide, danneggia la vegetazione e la fauna selvatica e contribuisce all’acidificazione degli oceani.
Il proposto cambio di regola arriva in un momento in cui la posta in gioco è alta per le navi mercantili del mondo, alla fine dello scorso anno, gli analisti di UBS hanno stimato che il mercato del trasporto verde per ridurre le emissioni di zolfo, potrebbe valere almeno 250 miliardi di dollari nei prossimi cinque anni.

C’e’ qualche possibilità che possa essere ritardata la data dell’entrata in vigore delle nuove norme? In una parola: no
L’OMI ha detto che non è possibile modificare la data di attuazione, poiché è troppo tardi perché qualsiasi revisione possa avvenire prima del 1° gennaio 2020.

Che cosa devono fare le navi per rispettare le nuove norme?
Gli armatori possono ridurre significativamente le loro emissioni di zolfo utilizzando combustibili a basso livello di zolfo, viaggiando più lentamente, installando sistemi di depurazione dei gas di scarico o preferendo altri combustibili puliti – più costosi – come il gas naturale liquefatto. E’ previsto che alcune navi sceglieranno di limitare gli inquinanti atmosferici installando sistemi di depurazione dei gas di scarico, noti come “scrubber”, progettati per rimuovere gli ossidi di zolfo dal motore della nave e dai gas di scarico delle caldaie.
La nave dotata di uno scrubber potrebbe continuare a utilizzare combustibile pesante, poiché le emissioni di ossido di zolfo sarebbero ridotte a un livello equivalente al limite richiesto.

Costi aggiuntivi per i beni di consumo
Gli analisti stimano che l’industria dei container – trasporta beni di consumo come divani, abiti firmati e banane – sarà probabilmente tra quello più colpito, con costi aggiuntivi di circa 10 miliardi di dollari.
Le due più grandi compagnie di trasporto container del mondo, A.P. Moller-Maersk e MSC, hanno entrambi dichiarato che la ricaduta economica in linea con le norme IMO potrebbe comportare costi aggiuntivi di circa 2 miliardi di dollari ciascuno, anche se è convinzione degli analisti come Steve Sawyer che il mercato troverà il giusto equilibrio.

Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →