I ricercatori per la prima volta al mondo hanno registrato un tuono vulcanico

Non tutti i vulcani sono uguali, non tutte le eruzioni sono identiche: secondo la chimica e la temperatura della lava, alcune eruzioni sono essenzialmente una fontana di lava pulita, mentre altre sono più esplosive, con il getto di nuvole di roccia calda e cenere che possono raggiungere la stratosfera. In questo modo, le particelle cariche possono creare fragorosi tuoni che tendono a perdersi nel rumore generale dell’eruzione.
Ora, per la prima volta, i geoscienziati sono riusciti a isolare quel “boom” del tuono, districandolo digitalmente da altri suoni in sottofondo, un’impresa considerata quasi impossibile da molti vulcanologi (ascolta il file audio accelerato 60 volte, contiene venti minuti di dati registrati l’8 marzo 2017 durante l’eruzione del Vulcano Bogoslof).
Matt Haney, sismologo presso l’Osservatorio Vulcanologico dell’Alaska di Anchorage, autore principale del nuovo studio che sarà pubblicato in Lettere di Ricerca Geofisica, ha detto:
«E’ qualcosa che le persone presenti alle eruzioni sicuramente hanno visto e sentito, questa è la prima volta che l’abbiamo definitivamente catturato e identificato in dati scientifici. Isolare il suono non è solo interessante come risultato tecnico, può essere utilizzato come indice per il fulmine vulcanico (più forte è il fulmine, più forte è il tuono). Lo stesso fulmine può essere usato per valutare quanto è grande e pericoloso il pennacchio vulcanico.
La comprensione del punto in cui avviene il fulmine nel pennacchio ci dice quanta cenere è stata eruttata, notoriamente è un dato difficile da misurare, quindi, localizzando il tuono su una vasta area, potenzialmente si potrebbe sapere quanto è grande il pennacchio.
Il nostro team è stato in grado di registrare il rimbombo e il tuono utilizzando un array di microfoni (è costituito da più microfoni posti in diverse posizioni spaziali. Basata sulla conoscenza dei principi di propagazione del suono, gli ingressi multipli possono essere manipolati per migliorare o attenuare i segnali provenienti da particolari direzioni), uno strumento che sta diventando sempre più comune nel monitoraggio dei vulcani, anche se la zonizzazione sul tuono da sola è stata considerata impossibile da alcuni geologi, ritengo che la tecnica potrebbe diventare sempre più comune e utile nel prossimo futuro. Mi aspetto che altri ricercatori saranno entusiasti e motivati a cercare nei loro set di dati per vedere se sono in grado di captare il segnale del tuono».

,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →