I pazienti affetti da HIV perdono immunità al vaiolo anche se già vaccinati da bambini

La scoperta chiamata amnesia immunitaria associata all’HIV, potrebbe spiegare perché le persone che vivono con l’HIV tendono ancora ad avere una vita in media più breve rispetto alle loro controparti HIV-negative nonostante siano in terapia antiretrovirale. Lo studio pubblicato sulla rivista Journal of Infectious Diseases segue altre ricerche recentemente pubblicate sulla rivista Science and Science Immunology, hanno scoperto che il sistema immunitario dei bambini che avevano contratto il morbillo “dimenticava” allo stesso modo la loro immunità contro altre malattie come l’influenza.
Mark K. Slifka, professore di microbiologia molecolare e immunologia presso Oregon Health & Science University School of Medicine e Oregon National Primate Research Center, ha guidato lo studio, con i suoi colleghi ha confrontato le risposte delle cellule T e degli anticorpi di un totale di 100 donne sieropositive che in gioventù sono state vaccinate contro il vaiolo.
Il team di ricerca ha scelto il vaiolo perché il suo ultimo caso noto negli Stati Uniti è stato nel 1949, significa che i soggetti dello studio recentemente non sono stati esposti al suo virus, il che avrebbe innescato nuove risposte delle cellule T e degli anticorpi. Hanno scoperto che il sistema immunitario delle donne sieropositive che erano in terapia antiretrovirale ha avuto una risposta limitata quando il loro sangue è stato esposto al virus Vaccinia di origine bovina che è utilizzato nel vaccino contro il vaiolo. Normalmente, i soggetti vaccinati contro il vaiolo hanno cellule T CD4 (sono un tipo di globuli bianchi – leucociti che combattono le infezioni e giocano un ruolo importante nel sistema immunitario) che ricordano il virus e rispondono in gran numero quando sono nuovamente esposte. Ricerche precedenti hanno dimostrato che le cellule T CD4 specifiche del virus del vaiolo sono presenti fino a 75 anni dopo la vaccinazione.
La scoperta è avvenuta nonostante che la terapia antiretrovirale funzioni aumentando il numero di cellule CD4 T nei pazienti sieropositivi. Ciò indica che, sebbene la terapia antiretrovirale possa aumentare il numero totale di cellule T, non può recuperare cellule T specifiche del virus generate da precedenti vaccinazioni risalenti all’infanzia.
Mark K. Slifka e i suoi colleghi hanno in programma di valutare se lo stesso fenomeno avvenga negli uomini sieropositivi, e se le persone che vivono con l’HIV perdano la memoria immunitaria ad altre malattie.

Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →