Fumo in bottiglia, spettacolari disegni creati da Jim Dingilian (foto)

Jim Dingilian è nato a York, ha trascorso sette anni della sua infanzia a Waterloo, in Belgio prima di tornare negli Stati Uniti. Ha conseguito nel 1966 il master in fotografia presso il Rochester Institute of Technology.
Jim Dingilian per creare le sue opere raccoglie le bottiglie di liquore vuote di varie dimensioni, forma e colore. Trova le bottiglie ai lati della strada, in bidoni della spazzatura, o disseminate nei parcheggi. Dingilian vede ogni bottiglia scartata come un “artefatto del consumismo, piacere o terrore”. Le scene dettagliate di questi luoghi si possono trovare “imbottigliate” nelle sue opere, richiamano auto bruciate sotto i ponti o altri scenari, luoghi di desolazione ai margini delle periferie (clicca la foto per vedere altre immagini).

Fumo in bottiglia disegni di Jim Dingilian
L’artista per generare le immagini accende una candela, indirizza la fiamma e il fumo all’interno della bottiglia per rivestire le sue pareti con uno strato di fuliggine.
Jim Dingilian crea le scene, grazie a una mano incredibilmente ferma. Spazzola lentamente la fuliggine con la punta di un pennello legato a un bastoncino che manovra sospeso al centro della bottiglia. Utilizzando differenti pressioni, e l’incredibile controllo del polso, l’artista rimuove strati di fuliggine, quella che rimane sul vetro forma le straordinarie immagini.
Le bottiglie di Jim Dingilian sono come clessidre artistiche, catturano un momento nel tempo all’interno dei loro confini. Il suo lavoro può essere visto in molte gallerie negli Stati Uniti, in particolare al McKenzie Fine Art Gallery di New York.

Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

Lascia un commento