Fenomeno della luce lampeggiante dagli occhi registrato per la prima dalla fotocamera

Il fenomeno dei lampi di luce che alcuni pazienti in radioterapia riferiscono di vedere davanti agli occhi durante il trattamento, anche quando gli occhi sono chiusi, un mistero di vecchia data, ora potrebbe essere stato risolto, grazie a questo strano effetto che è stato catturato per la prima volta dalla fotocamera.
Il nuovo studio pubblicato sulla rivista International Journal of Radiation Oncology riporta che durante la radioterapia della testa e del collo, all’interno dell’occhio è prodotta abbastanza luce per suscitare una tale sensazione visiva: fenomeno noto come emissioni di Čerenkov o radiazioni di Čerenkov, lo stesso effetto che fa diventare blu i reattori nucleari quando sono sott’acqua.
I modelli hanno dimostrato che mentre il raggio di radiazione attraversa il fluido vitreo o il gel trasparente dell’occhio, è generata luce, come dimostrato da prove dirette fornite dai ricercatori.
La scoperta potrebbe aiutare a migliorare i trattamenti radioterapici futuri e mettere a proprio agio le menti dei pazienti su quelle luci lampeggianti.
Irwin Tendler, ingegnere biomedico della Dartmouth College, ha detto:
«I nostri dati più recenti sono entusiasmanti perché per la prima volta è stata catturata l’emissione di luce dall’occhio di un paziente sottoposto a radioterapia; questi dati sono anche il primo esempio di prova a sostegno diretto del fatto che vi sia abbastanza luce prodotta all’interno dell’occhio per causare una sensazione visiva e che questa luce assomigli all’emissione di Čerenkov».
L’idea dell’emissione di Čerenkov in radioterapia era già stata avanzata dagli scienziati, ma solo insieme con altre ipotesi. Il team alla base del nuovo studio per trovare prove dirette, ha utilizzato uno speciale sistema d’imaging della fotocamera chiamato CDose, specificamente progettato per catturare le emissioni di luce durante la radioterapia, sia negli animali sia nell’uomo, ha permesso ai ricercatori di vedere la luce proveniente dall’occhio, qualcosa che di solito è molto difficile da rilevare.

Esperimento lampi di luce
Il paziente coinvolto nello studio ha effettivamente riferito di aver visto lampi di luce durante l’esperimento. I test di controllo sugli occhi di maiale sono stati in grado di confermare la composizione della luce e identificarla come radiazione Čerenkov.
Irwin Tendler ha aggiunto:
«I nostri dati in tempo reale hanno mostrato rigorosamente che la quantità di luce prodotta è sufficiente per suscitare una sensazione visiva, argomento che è stato discusso in letteratura scientifica».
I risultati potrebbero consentire di migliorare le future tecniche di radioterapia, ad esempio, il rilevamento dell’emissione di Čerenkov potrebbe essere usato come un segno che il trattamento ha o non ha raggiunto l’obiettivo previsto.
Esiste anche una relazione tra il fatto che i pazienti vedano lampi di luce e se in seguito subiscono una perdita della vista, in questo caso, per un metodo di previsione più accurato le letture scientifiche potrebbero sostituire le segnalazioni dei pazienti.
I ricercatori mentre affermano che altri fattori non possono essere completamente esclusi, la loro configurazione di telecamere specializzate ha contribuito a confermare che quello che Pavel Čerenkov ha scoperto per la prima volta nel 1934 può davvero essere riprodotto all’interno dell’occhio umano (vedi immagine).
I ricercatori in conclusione hanno detto:
«Sebbene le teorie sulla stimolazione nervosa diretta, la scintillazione della lente e i fotoni bioluminescenti ultra-deboli non possano essere escluse, sembri chiaro che la produzione di luce di Čerenkov in tutto l’occhio sia quantificabile e significativa».

,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →