Tutti abbiamo gli occhi azzurri sotto lo strato di pigmento che copre gli occhi scuri

Si stima che circa il 17% della popolazione mondiale ha gli occhi azzurri. Il colore è un’illusione creata dalla rifrazione della luce negli occhi chiari. Per la maggior parte della popolazione mondiale – circa l’80% – gli occhi azzurri spesso associati al bell’aspetto delle star del cinema, di solito possono essere ottenuti solo con l’ausilio di lenti a contatto colorate. Oggi c’è una procedura medica che può definitivamente trasformare i nostri occhi scuri in occhi blu.
Lanciato da Stroma Medical, l’intervento laser elimina la melanina marrone che è presente negli strati anteriori dell’iride. Il dottor Gregg Homer fondatore dello Stroma Medical Center a Laguna Beach, nella California, ha detto:
«Il principio fondamentale è che sotto ogni occhio marrone c’è un occhio blu. L’unica differenza tra un occhio marrone e un occhio blu è questo sottile strato di pigmento sulla superficie. Tolto il pigmento, la luce può entrare nello stroma, nell’iride è un foglietto pigmentato posteriore, può essere chiaro (dal blu al verde) o bruno (dal marrone al nero) ma in realtà la sua colorazione dipende sia dalla quantità di pigmento sia da fenomeni ottici di riflessione e di diffrazione della luce nel suo stroma irideo, quando la luce si disperde, riflette solo le lunghezze d’onda più corte, quelle dell’estremità blu dello spettro.
L’effetto è simile alla diffusione della luce, un esempio molto comune è dato dal colore blu del cielo: la luce (bianca) del sole incide sull’atmosfera terrestre, le cui molecole diffondono con più facilità le frequenze più alte (ovvero i colori più vicini al blu e al violetto); di conseguenza, mentre il grosso della luce ci arriva direttamente dal sole, la luce blu diffusa ci proviene da tutte le direzioni. E il sole, che, quasi per definizione, dovrebbe essere perfettamente bianco, appare giallastro, perché gli è stata sottratta un po’ di luce blu (vedi scattering di Rayleigh).
Abbiamo sviluppato un trattamento laser sullo strato di pigmento, il tessuto è rimosso naturalmente dal corpo. Mentre la procedura è portata a termine in venti secondi, gli occhi impiegano diverse settimane per mostrare il colore azzurro. Il laser a bassa intensità è una procedura più sicura, più economica e più conveniente rispetto a qualsiasi delle alternative sul mercato.
Anche se deve ancora ottenere il via libera da organismi di regolamentazione negli Stati Uniti, gli studi preliminari mostrano che l’intervento chirurgico è sicuro. Finora, solo 17 pazienti in Messico e 20 in Costa Rica hanno pagato 5.000 dollari per l’intervento. E’ difficile trovare un modo per ferire qualcuno con questo laser perché l’energia è bassa. Il laser considera solo il diaframma non entra nella pupilla o qualsiasi parte interna dell’occhio in cui si trovano i nervi che interessano la vista.
Per quanto riguarda la sicurezza, alcuni medici hanno suggerito che la procedura stroma potrebbe causare il glaucoma pigmentario in grado di intasare i normali canali di drenaggio, che a sua volta può causare l’aumento della pressione interna dell’occhio. A lungo termine questa condizione potrebbe sviluppare il glaucoma, abbiamo appurato che le particelle rilasciate dal processo con il laser non sono così significative per causare glaucoma».