Facebook sta sviluppando una nuova tecnologia di rete con onde radio millimetriche

Facebook come parte del suo più ampio sviluppo del progetto Internet.org (è un’iniziativa globale lanciata da Facebook in partnership con altre aziende per garantire a un numero sempre maggiore di persone l’accesso gratuito ad alcuni servizi di base attraverso la rete) sta attivamente lavorando a una nuova tecnologia di rete che utilizza bande di onde millimetriche.
Il progetto è simile e ha il potenziale di conflitto con quello di Chaitanya Kanojia, ex CEO di Aereo, la cui nuova società Starry sta cercando di incrementare la velocità d’internet attraverso l’aria, piuttosto che l’utilizzo di una tradizionale infrastruttura cablata.
Sanjai Kohli ingegnere di Facebook, come riporta The Verge ha depositato due brevetti, il primo descrive una “rete dati di nuova generazione“, per collegare i computer usando collegamenti radio a onde millimetriche distribuite come una rete mesh: un rappresentante di Facebook ha anche confermato che il lavoro è “parte del Laboratorio di connettività che sostiene la missione di Internet.org per collegare quattro miliardi di persone che non hanno accesso a internet“.
Il secondo brevetto riguarda una nuova generazione di un tipo di sistema di routing centralizzato e clolud-based che “regola dinamicamente le assegnazioni d’instradamento e di canale di frequenza, potenza di trasmissione, la modulazione, codifica e symbol rate per massimizzare la capacità della rete e la probabilità di consegna dei pacchetti, piuttosto che cercare di massimizzare la capacità di qualsiasi collegamento“.
Facebook per l’utilizzo della sua piattaforma a livello globale è impegnato a ricercare nuovi modi per collegare a Internet le sedi più remote e le popolazioni a basso reddito come le comunità in Africa, questi sforzi includono la sperimentazione di collegamenti laser montati su droni e la tecnologia satellitare esistente.

Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

Lascia un commento