L’olio di cocco è “veleno puro”, uno dei cibi peggiori che puoi mangiare

Le proprietà dell’olio di cocco negli ultimi anni sono state esaltate dai fautori dell’alimentazione del benessere, lo ritengono più sano di altre forme di grasso, fino al punto che alcune persone per i presunti benefici per la salute, oltre a utilizzarlo in cucina, farlo mangiare ai loro animali domestici, ne aggiungono un cucchiaino nel caffè o nel frullato.
Karin Michels, dottoressa, professoressa alla Harvard T.H. Chan School of Public Health, direttrice dell’Istituto per la Prevenzione e l’Epidemiologia del Cancro dell’Università di Friburgo, in un suo intervento sul tema “Olio di cocco e altri errori nutrizionali” ha detto:
«E’ uno dei cibi peggiori che puoi mangiare. Il consumo dei cosiddetti super alimenti, come l’olio di cocco è inutile perché abbiamo già abbastanza nutrimento da cibi di uso quotidiano come carote, ciliegie e albicocche».
La teoria che l’olio di cocco offra all’uomo poco, o nessun beneficio significativo per la salute non è una novità, Karin Michels ha aggiunto che l’olio di cocco è «più pericoloso del lardo perché contiene quasi esclusivamente acidi grassi saturi che possono ostruire le arterie coronariche».
L’olio di cocco è costituito per circa l’86% da grassi saturi, quasi un terzo in più rispetto al burro, che è pari al 52%. La British Heart Foundation (BHF) raccomanda di optare per un grasso insaturo, come l’olio vegetale o olio di girasole.

Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →