Ecco come caricare un falso virus nel computer per lasciare il lavoro in anticipo o fare uno scherzo al collega

Happy Hour Virus è un sito web che ti permette di scegliere un falso virus per il tuo computer in modo da poter lasciare in anticipo il lavoro.
L’idea è di TDA_Boulder in Colorado, una società di pubblicità, sul sito ha scritto:
«Si tratta di una filosofia di TDA ® _Boulder, tutti siamo i migliori lavoratori dipendenti se otteniamo qualcosa chiamato equilibrio tra lavoro e vita sana. Tuttavia, perseguendo quest’obiettivo non è sempre un compito facile nella cultura aziendale di oggi.
Si prega di utilizzare Happy Hour Virus per lasciare il lavoro in anticipo e godere della compagnia di amici, familiari o colleghi di lavoro. Siamo consapevoli che il giorno seguente questo potrebbe compromettere la vostra produttività, ma siamo disposti a correre questo rischio a vostro nome.

Istruzioni: clicca qui  per attivare Happy Hour Virus (per annullare premere ESC)
Fase 1 – Dì ai tuoi amici su twitter e facebook che stai lasciando il lavoro.

Fase 2 – Selezione un modo per “rompere” il computer (le opzioni sono Kernel panic, Broken Monitor e Blue screen of Death):
Kernel panic. E’ un’azione intrapresa da un sistema operativo in caso di rilevamento di errore fatale interno da cui non può recuperare in modo sicuro. Il termine è in gran parte specifico per i sistemi Unix e Unix-like; per i sistemi operativi Microsoft Windows il termine equivalente è “Blue Screen of Death”);
Broken Monitor. Guasto allo schermo;
Blu Screen of Death. Schermata blu (detta anche Blue Screen of Death, BSoD, Blue Screen) è il nome dato comunemente alla schermata di colore blu mostrata da un computer con un sistema operativo Microsoft Windows quando si verifica un errore di sistema critico che non può essere risolto autonomamente.

Fase 3 – Fai sospiro frustrato, esci dall’ufficio.

,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →