Mutazione genetica connessa all’influenza determina complicanze cardiache

Le persone affette da grave influenza, anche quando hanno un cuore sano a volte, sviluppano problemi cardiaci pericolosi per la vita. La ricerca sui topi per la prima volta ha evidenziato un legame tra una mutazione genetica, l’influenza e le irregolarità cardiache. Lo studio, condotto da Jacob Yount presso Ohio State, è stato pubblicato sulla rivista PNASProceedings of the National Academy of Sciences.
I ricercatori hanno scoperto che la mutazione di un gene chiamato IFITM3 depotenzia la proprietà di impedire la diffusione e la replicazione del virus dell’influenza nel tessuto cardiaco, con conseguente fibrosi cardiaca e disfunzione elettrica. Il rischio di ricoveri in ospedale e decessi aumenta durante l’infezione.
Jacob Yount ha detto:
«Eliminando il gene IFITM3 nei topi e infettandoli con vari ceppi d’influenza, siamo stati in grado di dimostrare che l’assenza di questo gene aumenta le possibilità di anomalie cardiache, con diminuzione della frequenza cardiaca, irregolare battito cardiaco e morte. Fino ad ora non è stato evidenziato alcun legame noto tra questo gene e le complicazioni cardiache correlate all’influenza».
Jacob Yount assistente professore esperto d’infezione microbica e immunità presso Ohio State University, da qualche tempo è interessato al gene IFITM3 e al suo ruolo nell’influenza grave: in particolare come potrebbe aggravare la malattia e se fosse correlato a problemi cardiaci in persone senza precedenti malattie cardiovascolari.
Jacob Yount collabora anche con il Centro oncologico dell’Ohio State University, ha aggiunto:
«L’influenza può aggravare le malattie cardiache di base, può danneggiare il cuore di persone che sono in buona salute, in genere una grave influenza costringe le persone malate al ricovero in ospedale».
È emerso che ogni anno circa l’8% dei residenti negli Stati Uniti si ammalano d’influenza; i bambini e gli anziani sono i soggetti più vulnerabili. I centri per il controllo delle malattie e la prevenzione hanno detto che in base alla gravità dei virus influenzali che circolano in una determinata stagione, ogni anno per complicazioni influenzali muoiono da 12.000 a 79.000 persone.
Gli scienziati sebbene abbiano documentato dalla pandemia d’influenza del 1918 (ha ucciso almeno 50 milioni di persone in tutto il mondo) la connessione tra decessi per influenza e complicazioni cardiache, i meccanismi del perché l’influenza porta a problemi cardiaci non sono stati chiari.
Jacob Yount ha detto:
«In molti hanno ipotizzato che l’infiammazione sistemica dell’infezione stressa o danneggia il cuore, ma questa nuova scoperta suggerisce che alcune persone possono essere geneticamente predisposte a queste complicazioni».
Ricerche precedenti hanno dimostrato che le mutazioni non sono rare, circa il 20% dei cinesi e circa il 4% delle persone di origine europea hanno mutazioni del gene IFITM3.
Jacob Yount e il suo team vogliono capire le cause alla base delle morti per influenza, ciò potrebbe portare a terapie per salvare le persone a rischio. Il suo laboratorio sta ora lavorando alla sperimentazione di terapie sperimentali nei topi.
Jacob Yount e i suoi collaboratori dopo aver esaminato il tessuto cardiaco dei topi geneticamente modificati, hanno confermato che il tessuto cardiaco è stato infettato dal virus dell’influenza. Hanno anche individuato una possibile spiegazione per le connessioni tra il gene, l’influenza e le anomalie cardiache: la fibrosi. La fibrosi è l’accumulo di collagene nei tessuti, il collagene svolge un ruolo importante nel collegare le fibre muscolari, ma troppo può essere un problema.
Jacob Yount ha detto:
«Troppo di questo collagene potrebbe interrompere il flusso elettrico del cuore, ciò spiegherebbe i ritmi cardiaci irregolari che abbiamo osservato in questo esperimento».
Lo studio inoltre ha rilevato vari gradi di anomalie cardiache legate all’influenza secondo la virulenza del ceppo influenzale. L’influenza più dannosa testata nello studio ha portato a ritmo cardiaco molto irregolare, duraturi danni cardiaci e maggiori rischi di decesso.
Il ceppo moderato ha causato anomalie cardiache reversibili e temporanee. Le irregolarità cardiache non sono state osservate nello studio quando ai topi con deficit del gene è stato somministrato il più debole dei tre ceppi d’influenza.
Jacob Yount in conclusione ha detto:
«È interessante avere ora un modello che ci aiuti a rispondere a successive domande sul perché l’influenza sta causando questi problemi cardiaci e a testare farmaci che potrebbero aiutare i pazienti. Ora, non c’è nessun trattamento specifico sulle complicazioni cardiache causate dall’influenza».

, ,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →