Antonio e il conflitto d'interessi

Antò, vero che non ti sei dimenticato delle tue promesse? ricordi quando hai affermato che l’eliminazione del conflitto di interessi è una priorità del governo di centro sinistra?
Cosa rispondi a chi si è fidato delle tue promesse?
Antonio – I cittadini possono avere l’impressione che il problema non sia prioritario per il governo e forse neppure un problema in sé perchè nelle tante (troppe) dichiarazioni di ministri e sottosegretari l’argomento non è stato affrontato.
Pattinando – Vero, in effetti l’argomento che focalizza l’attenzione dei media è l’amnistia.
Antonio – Secondo te i cittadini ci hanno votato perchè il primo atto del governo sia l’amnistia?  Non prendiamoci in giro.
Se il centro sinistra avesse dichiarato prima del 9 aprile di volere l’amnistia avrebbe perso sonoramente le elezioni.
Ma noi, noi politici, a chi rispondiamo se non ai nostri elettori? Basta con gli inciuci e i tatticismi.
Il Paese ha bisogno di rinnovamento, di coraggio, di un taglio netto con il passato.
L’Italia dei Valori presenterà nelle prossime settimane una proposta di legge per risolvere il problema del conflitto di interessi. Lo farà perchè nessuno possa più governare, influenzare, ingannare gli italiani utilizzando i media con finalità di propaganda politica.
Vi terrò aggiornati sul mio sito sull’iter della proposta di legge, su chi la sosterrà, su chi la ostacolerà.
Grazie Antò.

,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

3 thoughts on “Antonio e il conflitto d'interessi

  1. Antò… staremo a vedere….

    mi sembra che sei una persona seria e onesta, anche (se) un po’ originale…

    (e attendo aggiornamenti)

  2. Contiamo molto su Antò…

    E ce ne sbattiamo altamente di chi, immancabilmente da destra, ci ammorberà con i piagnistei del governo punitivo e giustizialista!

    Qua si tratta di principi base della democrazia, altro che storie!

    E se nella legislatura 1996-2001, anzichè dedicarsi ad improbabili accordi, il governo di centro sinistra avesse varato una decente legge sul conflitto di interessi, avrebbe semplicemente adottato un atto dovuto in tutto il mondo: personaggi come Berlusconi, in tutto il pianeta, tranne che in Italia, sono ineleggibili!!!

Lascia un commento