Test completato, torna sulla terra l'astronauta giapponese che ha indossato per un mese slip a prova di cattivi odori

Astronaut bringing test underwear back to Earth. He kept them on for a month, designed in Japan to be odor free

Koichi Wakata"I haven’t talked about this underwear to my crew members," astronaut Wakata said in an interview with The Associated Press, drawing a big laugh from his six shuttle colleagues. "But I wore them for about a month, and my station crew members never complained for about a month, so I think the experiment went fine."
The underwear, called J-Wear, is a new type of anti-bacterial, water-absorbent, odor-eliminating clothing designed for space missions. The line includes shirts, pants and socks as well. Wakata tested all of them during his mission; he had four pairs of the silver-coated underwear, a cross between briefs and boxers.
Full text

_____________
Italian version
Test completato torna sulla terra l’astronauta giapponese che ha indossato per un mese slip a prova di cattivi odori

L’astronauta Koichi Wakata torna sulla Terra dopo il soggiorno nella stazione spaziale, ha indossato per un mese un slip high-tech sperimentale, a prova di cattivi odori, progettato in Giappone. L’indumento intimo nei prossimi giorni sarà analizzato dagli scienziati.
L’astronauta giapponese Wakata, sulla particolare missione, in un’intervista a The Associated Press, ha detto:
"Non ho accennato nulla ai colleghi d’equipaggio, per circa un mese ho indossato lo slip, nessun membro della navicella si è lamentato, perciò penso che l’esperimento è andato bene".
La biancheria intima, denominata J-Wear, è un nuovo tipo d’abbigliamento che ha caratteristiche antibatteriche, assorbenti, elimina odori, progettato per missioni spaziali. La linea comprende camicie, pantaloni e calzini, anche questi indumenti sono stati testati da Wakata durante la sua "particolare" missione spaziale.

, , ,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

Lascia un commento