Amministrative 2011 – Sorpresa dall'urna, gragnola di voti per la Moratti (vignetta)

La maggiore affluenza a Milano favorisce la Moratti (ma 40 mila voti di scarto da Pisapia sono tanti)

Moratti al ballottaggio, sopresa dall'urna ...E' tradizione che l'affluenza alle urne nei ballottaggi sia sempre inferiore rispetto al primo turno. Succede in Italia come negli altri paesi che adottano questo modello elettorale. In base alle prime stime, il voto di oggi e domani non dovrebbe modificare la tradizione. Tuttavia c'è un'eccezione importante, almeno in base alla rilevazione di mezzogiorno. A Milano si è recato alle urne circa il 2,6 per cento in più, ovviamente se il confronto avviene con i cittadini che si erano già espressi alla stessa ora due settimane fa.
È un dato rilevante, in grado di dirci qualcosa del risultato finale? Difficile dirlo. Si tratterà in primo luogo di verificare se la tendenza verrà ribadita anche in serata (dato delle 19) e domattina. In generale, però, questo elemento in controtendenza rispetto al resto d'Italia non va affatto sottovalutato (a Napoli, ad esempio, nell'altra grande città in cui il voto è politicamente sensibile, l'affluenza è scesa al 10,85 per cento: circa l'1,3 in meno). Esso ci fa capire quanto una campagna così accesa e aspra, a tratti decisamente sgradevole e offensiva, abbia finito per coinvolgere gli elettori. Non c'è stata fuga dalle urne, distrazione o indifferenza (sempre che, beninteso, i numeri della sera non contraddicano quelli del mattino).
I milanesi si sono sentiti chiamati in causa da un voto che investe in modo diretto il futuro prossimo della città, ma tocca – lo hanno capito tutti – gli equilibri politici nazionali. Hanno risposto con senso civico a tali sollecitazioni. In base alle analisi della vigilia, una maggiore affluenza dovrebbe favorire il candidato in svantaggio: in questo caso, come è noto, Letizia Moratti. Il sindaco uscente è stato penalizzato al primo turno da un forte calo rispetto al dato delle comunali di cinque anni fa. Per lei era ed è essenziale riportare al voto il maggior numero possibile di milanesi, nella speranza che il suo avversario Pisapia, con il suo 48 per cento, abbia già fatto il pieno e non abbia margini di miglioramento. La Moratti può sperare di recuperare posizioni, partendo dal suo deludente 41,5%, solo se gli astenuti del primo turno decidono di mobilitarsi. >> continua a leggere

, , , , , ,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

4 thoughts on “Amministrative 2011 – Sorpresa dall'urna, gragnola di voti per la Moratti (vignetta)

  1. 1 punto di affluenza in più a mezzogiorno non fa primavera. Il giornalista ha solo voluto riempire uno spazio che era meglio rimanesse bianco.

  2. @MIRABILIA200 – E' vero, confermato dall'affluenza rilevata alle ore 22.00

    MILANO ALLE 22: MENO 1%
    Con i dati di 1214 sezioni su 1251, al ballottaggio di Milano, alle 22, ha votato il 53% degli aventi diritto, cioè 518.514 persone. Alla stessa ora di domenica al primo turno l'affluenza era stata del 54%.

Lascia un commento