La lingua più parlata al mondo è il … terpene

Il team di ricercatori del Netherlands Institute of Ecology (NIOO-KNAW) ha dimostrato per la prima volta che due diversi tipi di microrganismi – batteri e funghi – per comunicare tra loro usano i profumi, noti come terpeni, hanno detto che in pratica sul nostro pianeta sono il mezzo chimico più popolare per comunicare.

La lingua più utilizzata nel mondo? Probabilmente è il terpene
La ricerca di ecologisti microbici e colleghi del NIOO ha dimostrato che due differenti gruppi di microrganismi utilizzano fragranze per comunicare tra loro, il tipo più comune è il terpene. In un solo grammo di terreno dove miliardi di microrganismi sono fiorenti, la “comunicazione chimica” è molto diffusa, probabilmente funzionerà per tutta una serie di altre forme di vita.

Conversazione costante
I ricercatori hanno dimostrato che i batteri e funghi comunicano tra loro. Paolina Garbeva scienziata presso il NIOO-KNAW (la sua ricerca è focalizzata sulla comprensione delle interazioni interspecifiche microbiche), responsabile dello studio ha detto:
«La serratia, un batterio del suolo, può percepire l’odore profumato dei terpeni prodotti dal fusarium, un fungo patogeno, grazie alla motilità (proprietà degli organismi viventi di modificare attivamente e in modo reversibile la propria posizione o quella di una loro parte rispetto all’ambiente), risponde producendo un proprio terpene».
I ricercatori hanno stabilito che tali fragranze – o composti organici volatili – non sono solo alcuni prodotti di scarto, sono strumenti specificamente destinati alla comunicazione a lunga distanza tra questi funghi e batteri. Paolina Garbeva ha aggiunto:
«Abbiamo visto da un po’ di tempo che le piante e gli insetti utilizzano i terpeni per comunicare tra loro, ci siamo resi conto che in realtà è un campo molto più ampio perché a parlare il terpene ci sono anche i microrganismi».
I terpeni su funghi, protisti (organismi eucarioti unicellulari: comprendono specie che possono essere considerate ai confini tra i regni delle piante, degli animali e dei funghi), batteri e animali, in pratica agiscono come i feromoni – segnali chimici utilizzati dagli animali -, quindi è probabile che la lingua dei terpeni costituisca una vasta rete di comunicazione chimica.

Plurilingue
I terpeni non sono gli unici composti organici volatili che sono in grado di fare una bella “chiacchierata“. I ricercatori nel terreno hanno scoperto anche altri elementi di linguaggio chimico. Ruth Schmidt, del gruppo di ricerca di Paolina Garbeva, ha detto: «Gli organismi sono multilingue, ma il terpene è la lingua più spesso utilizzata».

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...