Miley Cyrus ha rivelato perché tiene la lingua fuori dalla bocca

Miley Cyrus ha finalmente rivelato il motivo per cui la sua lingua trascorre la maggior parte del suo tempo sul lato esterno della sua bocca.
La cantante di The Wrecking Ball dopo essere stata scelta tra le dieci persone più affascinanti del 2013, durante lo show televisivo “Barbara Walters Presents: The 10 Most Fascinating People of the Year” (vedi), ha spiegato che la sua immagine è così perché  “non sa come sorridere”, si sente “a disagio”. Ha detto:
«Ho imbarazzo nel farmi fotografare mentre sorrido, è questa la verità. Sono molto a disagio quando le persone mi fotografano, io non so come sorridere quindi metto la lingua fuori perché non so cos’altro fare».
La ventunenne star, quest’anno è stata su tutte le prime pagine dei giornali per i suoi video musicali e performance provocatorie. Nell’intervista ha aggiunto:
“Non mi dedico più a fare ricerche su Internet perché i commenti negativi rovinano la mia felicità. Rifiuto di cercarmi su Google, da quando ho smesso non potete immaginare quanto io sia tornata a essere felice».
La cantante è sempre nell’occhio del ciclone del gossip, recentemente ha viaggiato su un aereo privato insieme al cantante Kellan Lutz, al suo miglior amico Cheyne Thomas, il pilota e un paio di altre persone.
I soliti giornali scandalistici hanno rimarcato che Kellan Lutz e Miley Cyrus arrivati dalle Bahamas (per non destare sospetti?) sono stati visti uscire separatamente dall’aereo (vedi). E’ ovvio che la coppia sia stata impossibilitata a scendere a fianco a fianco per il ridotto spazio della stretta scaletta dell’aereo.
Miley Cyrus in sostanza non può essere una celebrità, non può essere single non può essere vista con il sesso opposto, per questo a chi gli scatena fastidiosi rumors anche quando non c’è nulla che una semplice amicizia, lei con un sorriso può solo rispondere con una bella linguaccia.

Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

Lascia un commento