Vadim Andreev il mago del make-up, trasforma qualsiasi donna in un’attraente cover girl (video)

Il russo Vadim Andreev, artista del make-up ha dimostrato che per migliorare il look non c’è bisogno di ricorrere a misure drastiche come la chirurgia estetica, utilizzando semplicemente i cosmetici, qualsiasi donna può essere trasformata in una bella cover girl per apparire in fotografia sulla copertina di una rivista patinata (clicca la foto per vedere altre immagini del prima e dopo make-up).

Vadim Andreev make-up, clicca per vedere altre immagini
Vadim Andreev può migliorare le caratteristiche, coprire le macchie della pelle, correggere le imperfezioni per arrivare all’immagine perfetta utilizzando solo gli strumenti del suo mestiere.
Il ventottenne guru della bellezza ha lavorato come artista di make-up da quando era un adolescente, ha iniziato a sedici anni, rapidamente la sua reputazione è salita fino a diventare uno stilista del trucco tra i più brillanti. Ha lavorato in spettacoli televisivi russi e con varie celebrità come modelle, attrici e popstar. Lavora anche su donne normali e in occasioni speciali come i matrimoni. E’ felice di trasmettere un po’ di magia del suo make-up con lezioni pubbliche visibili in questo video.

Vadim Andreev non lavora solo con le donne, fornisce anche un trattamento globale per migliorare l’aspetto o modificare l’immagine degli uomini che desiderano avere un look gothic, punk o semplicemente vogliono rendere l’aspetto della loro pelle più chiara.
Vadim ha detto:
«Il mio obiettivo è di dimostrare che chiunque può apparire come un’impeccabile celebrità, basta sapere come fare. Il make-up è un processo molto personale e individuale. Credo che ogni ragazza comune possa diventare una celebrità glamour. Voglio aiutare tutti a far emergere la propria bellezza, anche se a volte ci vuole un po’ più tempo e un po’ più di una mano».

, , , , ,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

Lascia un commento