La “pelle robotizzata” trasforma gli oggetti di uso quotidiano in robot (Video)

Probabilmente quando si ha in mente la robotica, si pensa a qualcosa di rigido, pesante, costruito per uno scopo specifico. La nuova tecnologia “Robotic Skins” capovolge quella convinzione in testa, permettendo agli utenti di animare l’inanimato e trasformare oggetti di uso quotidiano in robot. Le pelli robotizzate sviluppate nel laboratorio di Rebecca Kramer-Bottiglio, assistente professore d’ingegneria meccanica e scienza dei materiali presso Yale University, sono costituite da fogli elastici incorporati con sensori e attuatori, consentono agli utenti di progettare i propri sistemi robotizzati. Le pelli anche senza alcun compito specifico in mente, potrebbero essere utilizzate per tutto, dai robot di ricerca e salvataggio alle tecnologie indossabili.
Rebecca Kramer-Bottiglio con il suo team ha avuto l’idea quando la Nasa ha chiesto agli sviluppatori di rendere più versatili i sistemi robotici morbidi da utilizzare nello spazio. Ha spiegato che trasportare su Marte i robot prefabbricati e rigidi occuperebbero spazio ed energia, ma questi, trattati con fogli 2D robotici riutilizzabili, potrebbero essere facilmente riposti. Ha detto:
«La nostra risposta oltre a ridurre il peso e le dimensioni dei robot per le applicazioni spaziali, è stata quella di cercare di limitare il loro numero. La maggior parte dei robot è progettata per un compito specifico, ma un robot riconfigurabile potenzialmente potrebbe eseguire molte attività. E’ questo ciò che ho pensato quando ho creato la pelle robotica».
I ricercatori come riportato nello studio pubblicato su Science Robotics, affermano che la “pelle” è costituita da fogli elastici incorporati con una rete di sensori e attuatori, si flettono e si rilassano come un muscolo.
Il team, ad esempio, nel dimostrare le capacità della tecnologia, ha posto la pelle su un cavallino giocattolo come mostrato di seguito. Rebecca Kramer-Bottiglio ha detto:
«Possiamo prendere le pelli e avvolgerle intorno a un oggetto per far eseguire un compito, per esempio la locomozione, e poi toglierle e metterle su un oggetto diverso per far eseguire un altro compito, come afferrare e spostare un oggetto. Infine possiamo togliere quelle stesse pelli da quell’oggetto e metterle su una camicia per creare un dispositivo attivo indossabile».

I ricercatori come mostrato nel loro video, hanno spiegato che i prototipi sviluppati sono modulari e riciclabili, possono essere applicati, rimossi e poi riutilizzati su una varietà di oggetti morbidi, permettendo di cambiare al volo il design del robot.
Rebecca Kramer-Bottiglio in conclusione ha detto:
“I futuri sviluppi del progetto prevedono l’estensione del concetto di pelli robotizzate dall’applicazione di oggetti deformabili a oggetti modellabili, come l’argilla. Attualmente stiamo lavorando su robot che si trasformano, ciò è possibile trattando la pelle robotizzata in superficie per ottenere capacità di cambiamento della forma. In futuro, speriamo che questo sistema consenta ai robot di adattare la loro forma a compiti e ambienti che mutano».

,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →