Trovata “gomma da masticare” vecchia di 5.700 anni, con DNA di persone e batteri del passato

I ricercatori dell’Università di Copenaghen sono riusciti a estrarre un genoma umano completo da una “gomma da masticare” millenaria, hanno detto che è una nuova fonte non sfruttata di antico DNA.
Gli archeologi durante gli scavi a Lolland, hanno trovato un tipo di gomma da masticare vecchia di 5.700 anni, fatta di pece di betulla (sostanza di coloro marrone nero ottenuta riscaldando la corteccia di betulla).
I ricercatori dell’Università di Copenaghen in un nuovo studio sono riusciti a estrarre un completo antico genoma umano. È la prima volta che un intero antico genoma umano è estratto da qualsiasi altra cosa che non sia l’osso umano. I nuovi risultati della ricerca sono stati pubblicati nella rivista scientifica Nature Communications.
Hannes Schroeder antropologo molecolare specializzato nell’analisi del DNA antico, professore associato dell’Istituto Globe presso l’Università di Copenaghen, ha condotto la ricerca, ha detto:
«È sorprendente aver ottenuto un completo antico genoma umano da qualsiasi cosa diversa dall’osso. Inoltre, abbiamo anche recuperato il DNA dai microbi orali e da diversi importanti agenti patogeni umani, lo rendono una fonte preziosa di antico DNA, specialmente per periodi in cui non abbiamo resti umani». 
I ricercatori sulla base dell’antico genoma umano, hanno detto che l’elemento di pece di betulla era stato masticato da una femmina, geneticamente più legata ai cacciatori-raccoglitori provenienti dal continente europeo che a coloro che all’epoca vivevano in Scandinavia centrale. Hanno anche scoperto che probabilmente aveva la pelle scura, i capelli scuri e gli occhi blu.

Sigillato nel fango
La pece di betulla è stata trovata durante gli scavi archeologici a Syltholm, a est di Rødbyhavn, nel sud della Danimarca. Gli scavi sono stati eseguiti dagli archeologi danesi del Museo Lolland-Falster, durante la costruzione del   tunnel di Fehmarn.
Theis Jensen, del Globe Institute, ha lavorato allo studio per il suo dottorato di ricerca, ha anche partecipato agli scavi a Syltholm, ha detto:
«Il sito di Syltholm è unico, quasi tutto è sigillato nel fango, significa che la conservazione dei resti organici è fenomenale. Si tratta del più grande sito d’età della pietra in Danimarca, i reperti archeologici suggeriscono che le persone che hanno occupato il sito sfruttavano pesantemente le risorse naturali nella regione neolitica, in altre parole il periodo in cui l’allevamento e gli animali domestici sono stati introdotti per la prima volta nella Scandinavia meridionale».
Ciò si riflette nei risultati del DNA, poiché i ricercatori hanno identificato nella pece di betulla anche tracce di DNA vegetale e animale – in particolare nocciole e anatra – che potrebbero aver fatto parte della dieta individuale.

Evoluzione batterica
I ricercatori inoltre sono riusciti a estrarre il DNA da diversi microbiota orali, tra cui molte specie commensali e opportunistici agenti patogeni. Hannes Schroeder, ha detto:
«La conservazione è incredibilmente buona, siamo riusciti a estrarre molte diverse specie batteriche che sono caratteristiche di un microbioma orale. I nostri antenati vivevano in un ambiente diverso, avevano uno stile di vita e una dieta differente, ed è quindi interessante scoprire come questo si sia riflettuto nel loro microbioma».
I ricercatori hanno trovato anche DNA che poteva essere assegnato al virus di Epstein-Barr, noto per la sua causa di mononucleosi infettiva o febbre ghiandolare. Hannes Schroeder ha aggiunto:
«Le antiche “gomme da masticare” hanno un grande potenziale nella ricerca della composizione del nostro microbioma ancestrale e dell’evoluzione d’importanti patogeni umani, ciò può aiutarci a capire come gli agenti patogeni si sono evoluti e diffusi nel tempo, e cosa li rende particolarmente virulenti in un dato ambiente; allo stesso tempo, può aiutare a prevedere come un agente patogeno si comporterà in futuro e come potrebbe essere contenuto o debellato».

Pece di betulla: gomma da masticare, colla a tutti gli effetti o medicina?
La pece di betulla è una sostanza di colore marrone nero prodotta dal riscaldamento della corteccia di betulla. È stata comunemente usata nella preistoria come colla per attaccare utensili di pietra. Il primo utilizzo noto della pece di betulla risale al Paleolitico.
Gli archeologi spesso trovano pezzi di pece di betulla con impronte dei denti, suggeriscono che siano stati masticati, poiché la pece di betulla si solidifica durante il raffreddamento, per questo era masticata per renderla nuovamente malleabile prima di riutilizzarla.
È stato evidenziato anche altri utilizzi per la pece di betulla, per esempio, una teoria suggerisce che potrebbe essere stata usata per alleviare il mal di denti o altre malattie, perché è leggermente antisettica; altre teorie suggeriscono che la gente potrebbe averla usata come una specie di “spazzolino preistorico” per i denti; per sopprimere la fame, o solo per divertirsi masticando una gomma.

,

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →