Antica scarpa romana alla moda di 2.000 anni fa trovata in un pozzo della fortezza di Saalburg (foto)

I Romani quando si diressero a nord verso le province tedesche, intorno al 90 dC costruirono il Saalburg, una fortezza per proteggere il confine tra l’Impero Romano e i territori tribali germanici: nel contiguo villaggio vivevano 2.000 persone. Rimase attivo fino al 260 d.C.
Il Saalburg nel corso del 19° secolo è stato riscoperto e sottoposto a nuovi scavi, in seguito è stato completamente ricostruito. Ora è un sito del patrimonio mondiale dell’Unesco, ospita il Museo di Saalburg contiene molte reliquie romane, tra cui una scarpa di 2.000 anni fa (vedi foto), apparentemente trovata in un pozzo locale.

Museo Saalburg antica scarpa

Il sito Romans Across Europe riporta:
«Oggi considerando quanto siano apprezzate le moderne pelli italiane, non sorprende che nell’antichità ci fosse una grande varietà di sandali e scarpe romane. Il sutor (calzolaio) era un apprezzato artigiano tra i suoi colleghi.
I Romani furono i creatori della scarpa che avvolgeva tutto il piede. Vari altri tipi di calzature di pelle erano indossati all’interno dell’Impero romano. C’era una grande varietà di scarpe e sandali per uomo e donna. La maggior parte erano costruite come la caliga militare, con una tomaia monopezzo inchiodata tra gli strati della suola. La parte superiore poteva avere una superficie aperta con intagli a forma di cerchi, triangoli, quadrati, ovali; altre erano chiuse, con solo i buchi per i lacci».

Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

Lascia un commento